Pannelli fotovoltaici: come funzionano e quali sono i loro vantaggi

Una soluzione sostenibile e a favore del risparmio energetico, ecco i migliori modelli da installare a casa propria

Pannelli fotovoltaici: come funzionano e quali sono i loro vantaggi

Installare pannelli fotovoltaici a casa propria è un modo per ridurre gli sprechi energetici e i costi sulla bolletta e fare, soprattutto, una scelta a favore dell'ambiente. Optare per la cosiddetta "energia verde" è una tendenza sempre più diffusa anche grazie all'aumento delle prestazioni e agli incentivi statali sull'installazione di pannelli solari. Ecco allora una guida su tutto quello che bisogna sapere sul fotovoltaico. 

Pannelli fotovoltaici: cosa sono?

Si tratta di pannelli rettangolari con diversi moduli assemblati che sfruttano l'energia solare per produrre energia elettrica. Le celle incanalano i raggi e li trasformano in energia. Per questa caratteristica, il punto migliore in cui installare i pannelli è il tetto, proprio perchè a contatto diretto con il sole. In alcuni casi vengono montati anche sulla facciata dei palazzi, sempre se non vanno a intaccare il decoro urbano.

In commercio esistono tre diverse tipologie di pannelli, tutti realizzati su una base di silicio:

  • pannelli fotovoltaici cristallini: si basano su moduli in silicio monocristallino e hanno un’efficienza del 15-20%;
  • pannelli fotovoltaici policristallini: a differenza dei primi hanno un’efficienza minore, pari al 13%;
  • pannelli fotovoltaici a film sottili: si basano sul silicio amorfo ma hanno una resa nettamente inferiore, pari al 6%. In compenso offrono le migliori prestazioni quando le temperature sono elevate o la luce non è molto diffusa.

Oltre a questi esistono i pannelli fotovoltaici a concentrazione, le celle catturano i raggi solari e la possibilità di orientarli facilmente per esporre al sole. La loro resa infatti supera il 30%.

Come funzionano i pannelli solari

I pannelli sono stati concepiti per trasformare l’energia solare in quella elettrica. Per ottenere questa mutazione i pannelli, grazie all’effetto fotovoltaico, creano energia elettrica a corrente continua e a bassa tensione. Per funzionare è necessario convertirla in corrente alternata a 220 volt grazie a dei normali inverter CC/CA. La tipologia e le dimensioni dipendono molto dalla quantità di energia che si vuole produrre.

Resa energetica

La resa è misurata in base a condizioni standard ma comunque non è facile da stabilire, a concorrere nella produzione c’è la latitudine, l’inclinazione e l’orientamento dei pannelli. A questo deve essere aggiunta la temperatura e la pulizia dell’impianto.

Prezzi e durata

Il costo di un pannello dipende dal tipo di impianto, dalla superficie e dalle dimensioni dell’area sulla quale viene montato. Nonostante questo, essendo un sistema modulare, il costo della sostituzione o della manutenzione dei pannelli è semplice e non ha prezzi eccessivi. La durata dell’impianto fotovoltaico è di circa 22 anni con un tasso di degradazione pari allo 0,4% annuo.

Incentivi per l'installazione

L'impianto fotovoltaico rientra nelle ristrutturazioni edilizie e non nel risparmio energetico, quindi, anche nel 2019, fino al 31 dicembre, si può beneficiare delle detrazioni fiscali del 50% su una spesa complessiva di 96.000 euro. Il rimborso verrà effettuato con 10 quote annuali di pari importo. Inoltre, si potrà usufruire dell’Iva al 10%, se si tratta di prima casa si può avere anche al 4%, ma in questo caso non è compatibile con la detrazione fiscale.

Prodotti online per impianti fotovoltaici

Pannelli solari da 100 Watt

Pannelli solari fotovoltaici con celle in silicio

Pannello solare regolatore della carica

Pannello solare monocristallino

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici in casa? Ecco come allontanarle subito

  • I dieci consigli per tenere alla larga i ladri

  • I migliori metodi per pulire i vetri di casa

Torna su
VeneziaToday è in caricamento