Digiuno e preghiera per la Siria, Moraglia accoglie l'invito del Papa

Il Patriarca di Venezia scrive a chiese e parrocchie dopo l'appello lanciato da Papa Francesco all'Angelus di domenica. Sabato 7 giornata di preghiera

Papa Francesco chiama, la Chiesa di Venezia risponde. Il Patriarca monsignor Francesco Moraglia accoglie l’appello lanciato ieri all’Angelus da Papa Francesco che ha indetto, per il prossimo sabato 7 settembre “una giornata di digiuno e di preghiera per la pace in Siria, in Medio Oriente e nel mondo intero”. Con una lettera già pubblicata integralmente sul sito del Patriarcato, monsignor Francesco Moraglia chiede che il 7 settembre “in tutte le chiese, rettorie e parrocchie del Patriarcato, si tengano, nei modi ritenuti più idonei, momenti di preghiera - adorazione eucaristica guidata - coinvolgendo il maggior numero di fedeli. La preghiera è la grande risorsa del cristiano, il modo in cui sa di poter fattivamente intervenire nelle vicende umane, quando altre forme di persuasione sono impotenti a convincere le menti e i cuori”.

E il 7 settembre non è una data qualunque, bensì la vigilia della ricorrenza della Natività di Maria, Regina della Pace. “Tutta la Chiesa che è in Venezia - scrive il Patriarca - si riconosce nelle parole di papa Francesco, nella convinzione che «guerra chiama guerra»; la Beata Vergine Maria, Regina della Pace, sostenga la nostra preghiera e il digiuno”. E aggiunge: “Insieme ai pellegrini veneziani, a Roma proprio nei giorni 6-8 settembre per il Pellegrinaggio diocesano dell’Anno della Fede, avrò la gioia di partecipare personalmente al momento di preghiera col Santo Padre in Piazza San Pietro; tutti, in quel momento, ci troveremo nella comune preghiera”.

Facendo riferimento alla lettera-invito del Patriarca, il vicario generale della Diocesi di Venezia don Angelo Pagan raccomanda “che in tutte le parrocchie si cerchi di dar corpo a questa giornata di digiuno e preghiera indetta dal Papa in modo che nessuno che abbia il desiderio di rispondere all’appello del Santo Padre si trovi nell’impossibilità di farlo”. A Mestre nel Duomo di San Lorenzo sabato 7 settembre alle ore 21 avrà luogo una veglia di preghiera per la pace, curata dalla Consulta diocesana delle aggregazioni laicali. “A tale gesto unitario - sottolinea don Pagan - sono invitati tutti, in particolare gli aderenti alle associazioni e ai movimenti ecclesiale e quanti, dalle comunità parrocchiali e religiose, desiderassero vivere insieme questo speciale momento di preghiera”.
 
“Il Centro Pace del Comune di Venezia, che segue costantemente la dinamica dei conflitti internazionali e interviene attivamente con iniziative e progetti concreti sui luoghi di crisi, esorta tutti a raccogliere un invito che può unire tutti: credenti e non credenti, religiosi e laici – scrive invece l’assessore al Centro Pace del Comune di Venezia, Gianfranco Bettin -. Occorre far sentire la propria voce e dar prova tangibile di partecipazione alla mobilitazione che sta ponendo il problema di come fare la pace e non la guerra in Siria e altrove.”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Tuffo nell'acqua bassa a Jesolo, un ragazzo all'ospedale

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Schianto tra due auto, morta un'anziana donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento