Tav, si va verso il rafforzamento della linea ferroviaria Mestre-Portogruaro

La Commissione provinciale sui trasporti sulle linee del governo che spinge ad abbandonare il tracciato "balneare" a vantaggio di una riqualificazione dei servizi già esistenti

Stamattina a Ca’ Corner si è svolta la riunione della terza commissione consiliare (Urbanistica, Beni ambientali, Tutela del territorio, Mobilità e Trasporti, Parchi e Riserve naturali) presieduta dal consigliere Michael Valerio con la partecipazione dell’assessore ai Trasporti Giacomo Grandolfo e del consigliere Lionello Pellizzer.

In discussione l’esame dell’ordine del giorno  - il cui testo definitivo sarà approvato in una prossima riunione della Commissione - avente per oggetto “Linea AV/AC Mestre - Portogruaro: la Regione, il Governo esprimano la scelta di abbandono del tracciato “balneare” e reperiscano le risorse per il rafforzamento dell’attuale linea ferroviaria”. "L’ordine del giorno che andremo ad approvare sarà un documento molto importante, e sottolineerà alcune esigenze fondamentali riguardanti la necessità di conoscere più in dettaglio il progetto - studio preliminare sviluppato dal Commissario Mainardi sulla linea ferroviaria storica, ed inoltre l’indispensabilità di un confronto continuo con il territorio. Ricordo che grazie a quest’opera ne potrà trarre beneficio tutto il territorio, se pensiamo ad esempio alle stazioni ferroviarie, e agli spazi circostanti che potranno essere riqualificati".

Secondo quanto suggerito dai consiglieri, l’ordine del giorno che sarà predisposto esprimerà queste raccomandazioni: l’impegno della presidente Zaccariotto ad esprimere formale contrarietà al progetto di tracciato basso/litoraneo in tutte le sedi nazionali e regionali competenti; a richiedere le risorse, anche accedendo a quelle comunitarie, per approfondire il progetto con l'ipotesi di potenziamento ed eventuale quadruplicamento della linea storica; sia secondo lo studio di fattibilità già elaborato dal commissario straordinario, sia chiedendo maggiori approfondimenti progettuali, per un successivo confronto con il territorio, come occasione di riqualificazione dei centri storici attorno alle vecchie stazioni, recupero urbano, mitigazioni ambientali e compensazioni. Il documento esprime una chiara preferenza, come la sede più idonea ad ospitare in futuro tale opera, per l’attuale corridoio tra la ferrovia e l’autostrada A4, con potenziale quadruplicamento in alcuni tratti della linea esistente ad esaurimento delle relative potenzialità. Oggi infatti la linea è sfruttata solo al 40% delle sue potenzialità; e ad attivarsi nell’immediato nei confronti di Rfi reti ferroviarie italiane e Governo affinché vengano reperite le risorse necessarie per gli interventi prioritari di rafforzamento della linea ferroviaria Mestre-Trieste, intervenendo così a rendere maggiormente competitivo ed attrattivo il sistema infrastrutturale ferroviario. L’ordine del giorno suggerirà infatti anche una particolare attenzione alle necessarie opere di mitigazione e salvaguardia ambientale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Tuffo nell'acqua bassa a Jesolo, un ragazzo all'ospedale

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Schianto tra due auto, morta un'anziana donna

  • Il giorno del Mose: alle 12.25 la Laguna è completamente isolata dal mare | DIRETTA

Torna su
VeneziaToday è in caricamento