Spending Review, Zaccariotto: “Territorio massacrato, paga debiti di altri”

"Ed è scandaloso che si contrabbandi questo cambiamento, realizzato in modo confuso e frammentario sulla testa dei cittadini, per taglio delle spese", commenta l'esponente leghista

 

Dopo il sostanziale via libera del Senato alla spending review, la presidente della Provincia di Venezia Francesca Zaccariotto ha dichiarato: «Devo ribadire ciò che ho finora affermato, considero inaudito che una riforma così importante, che implicherebbe un progetto complessivo di riordino dello stato e di riforma del sistema costituzionale, stia avvenendo senza la partecipazione attiva delle Province e dei comuni che costituiscono il corpo vivo dei territori. La storia delle Province risale a prima dell’Unità d’Italia, al 1859 con il decreto Rattazzi, e in Europa l’Italia rischia di essere l’unica, oltre a Lussemburgo e a Cipro, a non avere più le Province, visto che altri 17 stati europei - in testa Germania, Regno Unito, Francia e Spagna - hanno 3 livelli di governo dei territori”. 
 
“Ed è scandaloso che si contrabbandi questo cambiamento, realizzato in modo confuso e frammentario sulla testa dei cittadini, come revisione della spesa pubblica, inserendo quest’obiettivo in un decreto legge che del decreto non ha né il presupposto della necessità, né quello dell’urgenza – prosegue la Zaccariotto -. Invece di tagliare costi laddove necessario, si rischia di compromettere la governance dei territori e l’erogazione di servizi essenziali, e penso alla manutenzione delle strade e degli  istituti scolastici, finora garantita dalle Province. E’ molto probabile che queste decisioni ingiustificate generino maggiori costi, piuttosto che risparmi; faccio solo un esempio fra molti, il mercato del lavoro, così cruciale oggi in questo generale momento di difficoltà. L’assegnazione ai comuni del mercato del lavoro, finora svolto in modo eccellente dalle Province con i centri per l’impiego, rischia di frammentare su più centri decisionali attività e servizi, senza più un coordinamento efficace. Altro che economie di scala, altro che riforma dello stato”. 
 
E poi attacca il governo: “A livello centrale non si è fatto nulla, e sarebbe stato molto semplice poter operare alcuni tagli della spesa dal grande significato – sul piano sostanziale e sul piano simbolico - mentre si è preferito massacrare i territori più virtuosi, chiamati ancora una volta a pagare debiti di altri. Bisogna mettersi subito al lavoro con la Regione per disegnare insieme un piano di riordino condiviso, e ci attende anche l’istituzione della città metropolitana, ma mi sembra che dai territori della Venezia  orientale e dalla riviera del Brenta si levino già le prime voci di protesta”.  
Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Presentati i 2 euro dedicati alla Basilica: "Venezia circolerà in Italia e tutta Europa"

    • Cronaca

      Guida a zig zag e passa col rosso: alla guida con tasso alcolemico 5 volte oltre il limite

    • Cronaca

      Carabinieri sorprendono pescatori abusivi in azione: inseguimento in laguna

    • Cronaca

      Marghera, inaugurata via Gigi Russo: la strada che da ora ricorda il "poliziotto sociale"

    I più letti della settimana

    • Se n'è andato il re dello spritz: è morto l'ex titolare del bar Galliano di via Piave a Mestre

    • Preso il boss della cocaina a Mestre: "Jack" e soci si intascavano 5mila euro a notte

    • "Circondato da 15 pusher che volevano vendermi droga, istituzioni intervenite"

    • Del tutto fuori controllo al pronto soccorso, colpisce con un pugno in faccia il medico

    • Rapina al supermercato a Fossò: "Clienti impauriti, mi hanno puntato la pistola contro"

    • Maxi tamponamento a catena sulla Triestina: 6 veicoli coinvolti e 10 feriti tra Ceggia e San Donà

    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento