Portato in carcere l'uomo che ha violentato per anni la figlia della compagna

È stato raggiunto dai carabinieri di Mira, dovrà scontare 6 anni di reclusione. La condanna definitiva risale al 2016, l'uomo avrebbe abusato della ragazzina minorenne tra il 2000 e il 2006

Foto d'archivio

I carabinieri di Mira hanno arrestato F.H., marocchino di 63 anni ritenuto colpevole di aver violentato la figlia minorenne della donna con la quale aveva avuto una relazione. L'uomo, secondo quanto ricostruito dalle indagini, avrebbe approfittato dei momenti in cui rimaneva da solo con la ragazzina per approcciarla, facendole delle proposte inequivocabili che faceva passare per un gioco. Gli abusi sono iniziati nel 2000, quando la piccola aveva 7 anni, e sono proseguiti per i 7 anni successivi.

Violenze sulla minorenne

All'inizio la vittima assecondava inconsapevolmente le mosse dell'uomo. Quando, crescendo, ha cominciato a rendersi conto della vera natura di quelle "attenzioni", ha trovato il coraggio di denunciare tutto ai carabinieri di Mira. Da lì è partita la segnalazione urgente, con il processo che ha portato a una prima condanna già nel 2007. Dopo altri due gradi di giudizio l'uomo è stato definitivamente riconosciuto colpevole nel 2016, ma l'esecuzione della pena era stata differita per motivi di salute. Nei giorni scorsi i carabinieri lo hanno finalmente portato in carcere, dove lo aspettano 6 anni e 6 mesi di reclusione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Altri arresti a Favaro e Santa Maria di Sala

Altre due persone sono state arrestate durante i controlli degli ultimi giorni: a Favaro Veneto una pattuglia ha individuato S.C., italiana 32enne di etnia nomade, pluripregiudicata e accusata di un furto ai danni di una negoziante di Perugia. La donna è stata portata in carcere. A Santa Maria di Sala, invece, i carabinieri hanno scoperto che un 57enne già ristretto agli arresti domiciliari continuava a spacciare cocaina direttamente dalla sua abitazione; anche lui, quindi, è stato accompagnato al penitenziario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

  • Casa del sesso in centro a Mestre: arrestata una donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento