Personale Actv contro l'accesso prioritario ai pontili: "Pericoloso, i turisti ci attaccano"

Troppo spesso, denuncia il sindacato Sgb, la divisione degli accessi è fonte di tensioni tra utenti e personale Actv. "Si rischiano aggressioni quotidianamente, le soluzioni sono altre"

L'entrata prioritaria ai pontili dei vaporetti Actv accende la discussione tra chi la reputa una soluzione utile per residenti e lavoratori e chi, invece, pensa che sia fonte di confusione e tensioni. Di quest'ultima idea è, ad esempio, il sindacato generale di base (Sgb) Venezia, che si scaglia con forza contro la sperimentazione attivata una decina di giorni fa. Soprattutto perché, a quanto pare, troppo spesso c'è il pericolo che i turisti perdano la pazienza per essere "discriminati" rispetto ai veneziani.

"Ogni giorno i lavoratori in prima linea rischiano di essere oggetto di aggressioni - attacca Nevio Oselladore, presidente del comitato lavoratori navigazione - Le offese rivolte al personale Actv non si contano più. I preposti al comando continuano a manifestare estreme situazioni di pericolo e chiedono alla stazione radio di inviare nei pontili gli agenti della forza pubblica e nel contempo di tamponare la situazione con unità in corse bis".

Insomma, per il sindacato questo è "un esperimento che non potrà avere futuro." La soluzione? "Anche molti veneziani mi hanno detto che bastava rimettere un battello ogni 10 minuti, come è sempre stato, e semmai con qualche rinforzo nelle ore di punta. Invece il comune ha deciso di scegliere le soluzioni più vergognose, soluzioni che discriminano coloro che contribuiscono a portare a Venezia ingenti somme di denaro. Come se non bastasse la differenza del prezzo dei biglietti tra veneziani e turisti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sicuramente, ammette Oselladore, esiste a Venezia un problema legato alla mobilità di cittadini e pendolari. "Ma non è questo il modo per risolverlo. Nessuna amministrazione cittadina ha mai avuto il coraggio di affrontare e di ripensare ad un nuovo progetto per la gestione dei flussi turistici, per un trasporto più confacente alle esigenze della città, e per un riordino di tutto quanto riguarda il traffico nei canali principali della nostra delicata città. Noi abbiamo più volte inviato a tutte le forze politiche un documento con una trentina di punti in cui si suggerivano iniziative risolutive, ma a Venezia comandano le categorie che gestiscono le lobby legate ai grandi poteri. Poteri economici che nessuno ha il coraggio di scalfire".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

  • Casa del sesso in centro a Mestre: arrestata una donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento