Cerca di strangolare la ex moglie per strada, un passante salva la donna

I carabinieri hanno fermato a Caorle un 37enne, accusato di tentato omicidio. Poco prima l'aveva anche rapinata

Corso Chiggiato (Google Maps)

Un episodio di violenza in strada, un passante che interviente e, probabilmente, salva la vita a una donna. È successo nella zona di corso Chiggiato, a Caorle. Il salvatore è un turista: ha visto la vittima a terra e, sopra di lei, un uomo che la strozzava. Ha reagito d'istinto, si è avvicinato urlando e così il violento ha mollato la presa e la donna è riuscita a divincolarsi, raggiungendo un locale poco distante. Lì è stata assistita da altre persone, che hanno subito chiamato i carabinieri e il 118.

Botte con i figli in casa

I militari hanno raggiunto l'aggressore poco più tardi, trovandolo in stato di alterazione alcolica, e lo hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto per tentato omicidio e rapina. La vicenda è stata ricostruita mettendo insieme le varie testimonianze: i due, ex coniugi entrambi romeni di 37 anni, erano arrivati a Caorle pochi giorni fa assieme ai due figli: avevano deciso di trascorrere una vacanza dopo un ritrovato equilibrio familiare, seppure divorziati. Nella giornata di ieri, però, la situazione è precipitata: nel pomeriggio, mentre erano in casa, incurante della presenza dei figli minori, l’uomo ha aggredito con ferocia e senza apparente motivo la ex moglie. Lei, dopo essersi presa calci e pugni, è riuscita a fuggire di casa con i figli ma lui li ha inseguiti in strada, ha raggiunto la donna e ha continuato a colpirla. Fino a buttarla a terra e tentare di strangolarla.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In carcere

È stato l'intervento del passante, come detto, a evitare il peggio. Gli operatori dell'ambulanza hanno curato la vittima, mentre i carabinieri hanno raggiunto l'aggressore che nel frattempo era salito in auto ed era probabilmente pronto a ripartire verso l'estero. Gli hanno trovato addosso anche i soldi che aveva strappato poco prima alla ex moglie. Lei è stata dimessa dall'ospedale con 30 giorni di prognosi. Informato dell’accaduto, il pm di turno, Federico Facchin, ha disposto che l’uomo venisse ristretto in carcere a Pordenone, in attesa della convalida prevista per la mattinata di domani.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aggiornamenti serali su contagi e ricoveri in provincia di Venezia e Veneto

  • I dati aggiornati sul contagio in Veneto e in provincia

  • Aggiornamenti serali su contagi e ricoveri in provincia di Venezia e in Veneto

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti del 24 marzo sera

  • Quasi 6000 positivi al coronavirus in Veneto, altri morti in provincia

  • Quasi 900 positivi in provincia, altri 2 morti all'ospedale di Dolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento