Il cadavere di Cavanella ha un nome: si tratta di un 32enne di Legnago

Andrea Tomasetti, residente nel paese scaligero, era scomparso da quattro mesi. I familiari hanno riconosciuto gli indumenti invernali della vittima e la chiave trovata apriva la sua Clio

Proprio ieri sera, alle 20, alla chiesa di Porto di Legnago era stata organizzata una fiaccolata per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla scomparsa di Andrea Tomasetti, 32enne residente a Boschi Sant'Anna, in provincia di Verona. Del giovane si erano perse le tracce esattamente quattro mesi fa. Il suo corpo senza vita è stato ritrovato mercoledì mattina mentre galleggiava nelle acque dell'adige a Cavanella, frazione di Chioggia. I familiari hanno riconosciuto gli indumenti invernali indossati dalla vittima, togliendo ogni possibile dubbio sull'identificazione.

La salma era stata avvistata poco dopo le 10 da un pescatore, che aveva dato l'allarme ai vigili del fuoco. Le condizioni del corpo però, in acqua da quattro mesi, ostacolavano non poco le operazioni di identificazione dei carabinieri di Chioggia, titolari dell'indagine. Controllando i registri delle persone scomparse, l'attenzione degli inquirenti si è indirizzata poi verso Andrea Tomasetti, soprattutto per la descrizione dei vestiti che aveva addosso fornita dalla moglie nella denuncia di scomparsa (giubbotto nero e scarpe da ginnastica Puma bianche e rosse) e per il fatto che risiedeva in un paese vicino all'Adige.

 

I militari si sono recati stamattina a Legnago per approfondire gli accertamenti, scoprendo che la chiave che la vittima aveva in tasca apriva perfettamente la Renaul Clio del 32enne, trovata dai genitori a poche centinaia di metri dalla loro abitazione nei giorni immediatamente successivi alla scomparsa.

Troppo presto per stabilire se si sia trattato di un gesto estremo, pista comunque privilegiata dagli inquirenti, o di un incidente. Andrea Tomasetti, responsabile di un punto vendita A&O nel Veronese e padre di un figlio di sei anni, prima della scomparsa avrebbe dovuto affrontare alcune difficoltà in ambito lavorativo, che avrebbero determinato per lui un periodo difficile. Elementi utili alle indagini potrebbero arrivare dall'autopsia, che verrà effettuata nei prossimi giorni. Da un sommario esame esterno della salma, però, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Fogli di via e perquisizioni: un pullman di no global veneziani in questura a Roma

    • Mestre

      "In 10 contro 1": lo accerchiano e gli spruzzano lo spray al peperoncino. Poi lo rapinano

    • Cronaca

      Liti violente per gelosia o ricatti a Mestre: due uomini aggrediti dalle "loro" donne

    • Cronaca

      Rubano 40 carte d'identità in bianco, poi tutto a soqquadro. Ma lasciano le impronte

    I più letti della settimana

    • Se n'è andato il re dello spritz: è morto l'ex titolare del bar Galliano di via Piave a Mestre

    • Preso il boss della cocaina a Mestre: "Jack" e soci si intascavano 5mila euro a notte

    • "Circondato da 15 pusher che volevano vendermi droga, istituzioni intervenite"

    • Rapina al supermercato a Fossò: "Clienti impauriti, mi hanno puntato la pistola contro"

    • Del tutto fuori controllo al pronto soccorso, colpisce con un pugno in faccia il medico

    • Maxi tamponamento a catena sulla Triestina: 6 veicoli coinvolti e 10 feriti tra Ceggia e San Donà

    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento