Il circo c'è ma con animali di pezza, animalisti: "Dare forti segnali di protesta lo stesso"

Gruppi e organizzazioni che si battono a favore della loro libertà invitano a manifestare il dissenso in occasione dello spettacolo di sabato a Cannaregio, per l'apertura del Carnevale

Gli animali non ci sono, saranno pupazzi e peluches a prendere il loro posto nello spettacolo di apertura del Carnevale di Venezia, sabato a Cannaregio, che rievoca l'idea del circo. Ma gli animalisti non ci stanno comunque e chiedono: "Aiutateci a dare un forte segnale di dissenso nei confronti di questa immagine, che è comunque negativa".

Sensibilità rinnovata

Organizzazioni e gruppi che si battono a favore della libertà degli animali esprimono la loro disapprovazione e lo stupore di fronte alla rievocazione di scenari sempre più fortemente condannati dall'opinione pubblica, grazie ad un'accresciuta coscienza civile. "Recentemente - scrivono gli animalisti - anche il nostro Parlamento ha approvato, in via definitiva, una legge sulla fine dello sfruttamento degli animali nei circhi e negli spettacoli viaggianti attraverso un graduale superamento da formulare entro l'anno con un decreto legislativo. Ciò anche grazie alla continua e sempre più vasta mobilitazione attraverso manifestazioni, raccolta firme, denunce (molti animali sono stati sequestrati per gli evidenti maltrattamenti e diversi circhi sono stati condannati per tali reati)".

"Segnali di civiltà"

Lo spettacolo di sabato nel Rio di Cannaregio è dunque, sostengono i dimostranti, un'occasione in più per tornare a contrastare scenari di "esseri viventi detenuti a vita in spazi angusti e ben diversi, anche per clima, dai loro habitat naturali, senza alcun rispetto delle loro minime esigenze etologiche, costretti a fare con violenti addestramenti esercizi del tutto innaturali e fortemente diseducativi nell'esibirli, quali oggetti da sottomettere e da ridicolizzare", ancora esistenti, ma anche vietati, nella forma dei circhi, in oltre 50 Paesi nel mondo.

"Naturalmente gli animali che verranno impiegati nello spettacolo di sabato saranno dei pupazzi - scrivono gli animalisti -  ma riteniamo ugualmente che il loro sfilare rappresenti una realtà fortemente negativa. Siamo quindi a chiedervi, contando sulla generale accresciuta sensibilità, anche da parte delle nostre istituzioni, (la nostra stessa amministrazione Comunale si è espressa in più di un'occasione in tal senso), di dare un forte segnale in questa direzione, magari aggiungendo qualche cartello tipo 'animali liberi' o altra modalità che si vorrà scegliere. Siamo convinte/i che ciò non intaccherà lo spettacolo ma sarà anzi un arricchimento nel segno della civiltà e del rispetto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Schianto tra due auto, morta un'anziana donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento