Terrore a cena per due anziani: rapinati e minacciati col coltello

Il colpo di tre criminali a Galta di Vigonovo giovedì sera. Pensionato sviene, dopo essere stato preso per il collo con la lama puntata alla gola

Un'abitazione presa costantemente di mira, visto e considerato che i ladri l'avevano già visitata sei volte in passato. Ora, però, l'assalto più brutale. Rapina poco dopo le 21.30 di giovedì a Galta di Vigonovo, in via Trieste. Come riporta il Gazzettino, due anziani coniugi, lui 75enne, lei 70enne, avevano appena finito di cenare quando all'improvviso hanno sentito un forte botto. Loro che vivono in una zona relativamente isolata. Nemmeno il tempo di alzarsi e capire cosa fosse accaduto, che al pensionato sono addosso tre delinquenti, che avevano sfondato il portoncino d'ingresso. Uno di loro aggredisce il 75enne: con una mano lo prende per il collo, con l'altra tiene un coltello a serramanico. E lo punta dritto alla gola dello sventurato. "Vogliamo i soldi", hanno intimato i banditi, tradendo un accento straniero.

I due complici, avendo via libera, sono quindi saliti al piano superiore rovistando dappertutto. Loro hanno un passamontagna, mentre il rapinatore armato ha tirato su il cappuccio di una felpa e una calza di nylon che gli copre il volto. Subito minaccia di morte il suo interlocutore, mentre la moglie tenta in qualche modo di difendere il marito. Prendendo a manate il criminale. A quel punto il pensionato, che ha problemi di cuore, sviene e si accascia sul pavimento.

Una eventualità che evidentemente i furfanti non avevano previsto e che li induce a battere in ritirata. Con un fischio il primo intruso richiama l'attenzione degli altri due, i quali scendono e corrono via per la porta d'ingresso. Saltando la recinzione. Anche il terzo se ne va con loro, non prima di liberarsi della calza di nylon che gli copriva il mento sull'uscio di casa. Inutile il tentativo della moglie di inseguirli: sono troppo veloci e agili. Il bottino della rapina è solo l'orologio strappato dal polso dell'anziano, che poi è stato visitato dai sanitari del 118. Ma non si è reso necessario un ricovero ospedaliero. Evidentemente i ladri sapevano della possibile presenza di diverso denaro liquido necessario per un'importante compravendita.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dati aggiornati sul contagio in Veneto e in provincia

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Mutui per prima casa sospesi dai decreti Conte ma alcune banche trattengono la rata

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

Torna su
VeneziaToday è in caricamento