Ancora un anziano truffato e derubato: ladre in fuga con 12mila euro, i risparmi di una vita

Un 86enne di Marghera ha aperto la porta a una coppia di malintenzionate. Hanno spiegato di essere operatrici sociali e che era in corso una raccolta fondi solidale. Bottino ingente

Si presentano a casa sua e lo ripuliscono dei risparmi di una vita. Altro anziano truffato nel Veneziano, stavolta l'ammontare del bottino non può che lasciare l'amaro in bocca. Nella mattinata di lunedì, infatti, un 86enne residente a Marghera ha ricevuto la visita di due donne di mezza età, dalla testimonianza pare originarie dell'Est Europa. La coppia è entrata in azione in un'abitazione di via Calvi: una volta suonato il campanello hanno spiegato all'inquilino di essere delle operatrici sociali di una cooperativa per anziani. Volti e parole rassicuranti. In questo modo sono riuscite a conquistare la fiducia della vittima, facendosi aprire la porta.

Un piano studiato nei minimi particolari e "collaudato" per chissà quante volte. Stavolta le malintenzionate hanno puntato sul buon cuore dell'uomo, spiegando di averlo disturbato per una raccolta fondi solidale. Il loro obiettivo era un altro però: riuscire a scoprire dove l'anziano custodisse soldi e gioielli. Il loro turbinìo di parole ha colto nel segno: sono riuscite a capire che in camera da letto l'86enne aveva una piccola cassettina di sicurezza. Sarebbe stata proprio la vittima ad aprire il "forziere" per consegnare i contanti alle donne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All'interno circa 12 mila euro. I risparmi di una vita. A quel punto una delle compari avrebbe distratto la vittima, mentre l'altra si sarebbe riuscita a impossessare dell'intera somma custodita nella cassettina. Una volta ottenuto ciò che volevano, le ladre hanno fatto dietrofront e sono scappate. Quando l'86enne ha capito ciò che era successo era ormai troppo tardi. A chiamare i carabinieri è stata la figlia, che ha chiesto l'intervento dei militari sul posto. I controlli in zona, purtroppo, non hanno avuto esito. La truffa fa il paio con un altro raggiro messo a segno nei confronti di un anziano pochi giorni fa a Carpenedo: in quel caso si presentò a casa della vittima un finto carabiniere, che riuscì a spillare al derubato circa 35mila euro. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

  • Ricoveri stabili, ma continuano i decessi: i dati aggiornati sul Covid-19

Torna su
VeneziaToday è in caricamento