Pressing di Brugnaro su Renzi: "Ci attendiamo misure dal Governo"

Ennesimo appello del sindaco: "Celentano e Muccino raccolgano firme per salvare la città. Stiamo morendo tutti, è un grido di dolore"

"Qui sta cadendo tutto. Ditelo. Ditelo che gli intonaci si staccano e che non abbiamo i soldi per scavare i rii. Che le ambulanze non possono raggiungere tutti i punti della città e che manca il sistema antincendio in molte zone". Il sindaco Luigi Brugnaro chiama a raccolta tutti ("ma tutti, basta stare seduti sul divano col computer sulle ginocchia") per difendere Venezia. Anzi, per salvarla. Perché la situazione di bilancio non è delle più rosee (per usare un eufemismo), dunque la presentazione del progetto "Tresse Nuovo" al fianco del presidente dell'Autorità portuale Paolo Costa (TUTTI I DETTAGLI) è stata l'occasione per lanciare messaggi al Governo e a coloro che dicono di amare la città: "Dov'è nato Muccino? Dove abita?", risponde d'istinto di fronte ai giornalisti nel momento in cui scopre che la star del cinema ha lanciato una petizione su Change.org per allontanare le grandi navi dal Bacino di San Marco. "Basta con i  gufi, come dice Renzi. Ha ragione, perché le cose si possono fare", incalza, ma poi uno dei principali destinatari delle sue frasi è proprio il premier: "Perché ricordatevi che tutti gli emendamenti alla legge di stabilità sono solo fregnacce - dichiara - verranno tutti bocciati quelli dell'opposizione. Andranno avanti solo quelli del Governo".

PRESENTATO IL PROGETTO "TRESSE NUOVO" PER LE GRANDI NAVI

BRUGNARO AI COMITATI: "BASTA CON I GUFI, FIDATEVI" - VIDEO

E' lì dunque il nocciolo del problema. L'esecutivo tenderà davvero la mano a Ca' Farsetti? Durante la sua visita in laguna il presidente del Consiglio aveva dichiarato davanti a centinaia di persone che "il Governo farà la sua parte per Venezia". Dopodiché era seguito un lungo faccia a faccia in Comune con Brugnaro. Evidentemente di concreto ancora non si vede nulla all'orizzonte, nonostante le rassicurazioni che le parti stanno lavorando. Dunque il primo cittadino ha voluto calcare la mano: "Questo è un grido di dolore. Venezia casca a terra - ha dichiarato - Lo Stato negli anni ci ha tolto un miliardo e 200 milioni di euro. Dateci una mano, raccontate la verità. Stiamo morendo tutti". Dopodiché l'attenzione si concentra anche sui personaggi dello spettacolo che si sono schierati apertamente contro le Grandi Navi a Venezia: "Perché non raaccolgono le firme per salvare la città - attacca - Quando ho parlato di vendere i quadri è perché abbiamo un debito di 800 milioni di euro. Il prossimo anno dovremo tagliare ancora di più".

Il Governo fa ancora capolino nel momento in cui il primo cittadino dichiara di "aver chiesto di poter gestire il Mose e di acquisire le competenze del magistrato alle acque". Si tratta di una partita che si sta giocando da anni, ma che con la prossima conclusione del sistema di paratoie mobili diventerà sempre più d'attualità. L'appello di Brugnaro guarda a tutti, anche ai membri di AmbienteVenezia e di Italia Nostra presenti alla conferenza stampa di presentazione del "Tresse Nuovo": "Voi dovete smetterla dii vivere nella paura - ha affermato - Io su questo progetto ci ho messo la faccia e la gente mi ha votato. Questa è la democrazia. Provate per una buona volta a fidarvi". "L'amore più grande per Venezia è viverla - ha dichiarato - venite a scoprirla. E' stata la prima repubblica in Europa. Noi non vogliamo mettere tasse, dateci una mano a salvarla. Il Governo sappia che ci sono differente di costi: tra manutenzioni e pulizia il centro storico costa 80 milioni di euro in più rispetto a qualsiasi altro posto. Abbiamo tagliato tutto il possibile. Io - conclude - l'ho detto al presidente della Repubblica e al presidente del Consiglio, Venezia chiede che gli venga riconosciuta la sua specialità. Com'è accaduto per Milano o per Roma. Poi vogliamo camminare sulle proprie gambe. Ci attendiamo nella legge finanziaria un segnale dal Governo reale". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

Torna su
VeneziaToday è in caricamento