Smog, "la pioggia non basta". Appello dei medici per salvaguardare la salute dei bimbi

I pediatri di Venezia e Mestre si sono mobilitati, per richiedere dei provvedimenti concreti. L'istanza sarà probabilmente discussa durante il prossimo consiglio comunale straordinario

L'appello al Comune, ora, arriva dai pediatri. I livelli di smog in città continuano ad essere preoccupanti, e non basteranno certo tre giorni di pioggia intensa a risolvere un problema, quello della concentrazione delle polvere sottili, che già da metà settimana tornerà ad essere preoccupante, su livelli altamente dannosi per la salute delle persone. Come riportano i quotidiani locali, sono i medici di Mestre e Venezia che, stavolta, hanno invocato dei provvedimenti alle autorità competenti, che vadano al di là delle rassicurazioni riguardanti le condizioni atmosferiche.

Negli scorsi giorni la concentrazione delle polveri ha superato di 4 volte il limite di sicurezza sanitaria. La salute dei bambini prima di tutto, che non può essere affidata alla speranza della pioggia e ai capricci del clima. Questo è quanto specificano i pediatri, che sottolineano come "è dimostrata la correlazione tra livelli di inquinamento atmosferico e il peso molto basso dei bambini alla nascita, l'aumento di polmoniti e bronchiti, asma e tosse secca".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Provvedimenti immediati, quindi, sono quelli richiesti dai medici. Nonché quelli strutturali, che agiscano nel lungo periodo. Con ogni probabilità l'appello dei professionisti sarà dibattuto durante il consiglio straordinario richiesto dalle forze dell'opposizione, che dovrà tenersi, a norma di statuto, entro il 20 febbraio. Anche i comitati cittadini danno pieno appoggio all'appello dei medici, poiché, come sottolineano, possono rendersi conto meglio di chiunque altro della potenza distruttiva dello smog nella salute dei bambini. Intanto il prefetto Domenico Cuttaia è stato chiamato in causa dalle associazioni, e c'è da aspettarsi che ben presto dia in prima persona delle risposte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Tuffo nell'acqua bassa a Jesolo, un ragazzo all'ospedale

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Il ceppo di covid proveniente dalla Serbia è molto aggressivo. Zaia: «Preoccupati per i virus importati»

  • Il giorno del Mose: alle 12.25 la Laguna è completamente isolata dal mare | DIRETTA

  • Trovata nelle campagne di Altino una scultura romana

Torna su
VeneziaToday è in caricamento