Fermato con la cocaina, in casa un arsenale di armi e esplosivo al plastico

I carabinieri hanno arrestato un uomo in seguito a un controllo su strada, a Mira. In casa nascondeva pistole, mitragliette e munizioni: è stato arrestato e portato in carcere

I carabinieri hanno arrestato un uomo di 58 anni, italiano e "insospettabile" operaio di una società partecipata comunale, dopo avergli trovato un arsenale di armi in casa. Tutto è iniziato durante un controllo su strada, nel territorio di Mira, vicino alla stazione ferroviaria: l'uomo, bloccato alla guida di una Bmw scura già segnalata nei giorni precedenti alle forze dell'ordine, stava viaggiando con della cocaina nell'auto, oltre un etto, di cui avrebbe cercato di disfarsi prima del controllo. Per questo i militari dell'Arma hanno deciso di approfondire le verifiche, eseguendo una perquisizione in abitazione.

Arsenale in casa

È lì che sono spuntate le sorprese: una vera e propria santabarbara composta da decine di pistole, fucili di vario tipo, una mitraglietta, dell’esplosivo e molto altro materiale, tra cui carte d’identità rubate. L'elenco è notevole: 11 pistole, di cui 3 con matricola abrasa e 2 a salve con tappo rosso; un fucile sovrapposto; un fucile a pompa; una mitraglietta Scorpion con silenziatore; due fucili ad aria compressa; oltre 500 munizioni di vario calibro e 2 panetti di esplosivo al plastico proveniente dall'est Europa per 626 grammi totali, con miccia e detonatore. Un esplosivo che avrebbe potenzialità 4 volte superiori a quelle del C-4. A quel punto si è reso indispensabile l'intervento del Nucleo investigativo, del Nucleo cinofili di Torreglia e degli artificieri anti sabotaggio di Padova, cui spetterà il compito, una volta ricevuto il nulla osta, di distruggere l'esplosivo. Le armi erano detenute illegalmente, nascoste in varie intercapedini della casa e nel doppio fondo della copertura di un ricovero attrezzi del giardino.

Furti

C'erano inoltre 60 carte d'identità in bianco, risultate rubate dal Comune di Musile di Piave, e circa duemila marche da bollo per un valore totale di 35mila euro. Al termine degli accertamenti, il 58enne è stato portato in carcere a Venezia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IMG_20200218_113125-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Auto cappottata al casello Mestre-Villabona

  • «I pusher nigeriani si sono impadroniti di Marghera, gang pericolosissima»

  • Pestaggio nella notte a Jesolo, uomo in ospedale lotta tra la vita e la morte

Torna su
VeneziaToday è in caricamento