homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

San Donà, recuperati 6 grammi di coca: arrestato cittadino nigeriano

Il 36enne Pedroline Ekeocha è stato ieri perquisito dai carabinieri in vicolo Nuovo, stamattina la condanna a reclusione per un anno e a una multa di 3.000 euro, con la condizionale

Tra le capacità fondamentali di chi sceglie di fare il carabiniere vi dev’essere certamente l’intuito. Lo sanno bene gli agenti del nucleo operativo e radiomobile di San Donà di Piave, i quali, sollecitati dalle segnalazioni di alcuni residenti di vicolo Nuovo, hanno colto nel sospettoso comportamento di un giovane di origine nigeriana la traccia di un’illecita attività di spaccio.

Pedroline Ekeocha di 36 anni, residente a Parma, ma di fatto senza fissa dimora, era stato, infatti, notato trascorrere molto del suo tempo a confabulare con alcuni giovani del luogo con i quali, poco dopo, si appartava. Ieri sera gli agenti lo hanno fermato lungo la via centrale cittadina e di seguito perquisito, recuperando tra le sue vesta un involucro contenente 6 grammi di cocaina e 1 grammo di marijuana.

Ekeocha è stato, quindi, arrestato e trattenuto nella camera di sicurezza della compagnia di via Carbonera, mentre le sostanze stupefacenti e la somma di circa 470 Euro, ritenuta il provento dell’attività di spaccio, sono stati sequestrati.

L’intera area in cui ha avuto luogo l’intervento dei carabinieri è oggetto di particolare attenzione da parte di questo comando di compagnia: nelle ultime settimane sono stati eseguiti numerosi controlli che, oltre vicolo Nuovo, hanno interessato anche via Ancillotto e p.zza IV Novembre, luoghi in cui vi è una forte aggregazione di cittadini extracomunitari, alcuni dei quali – si presume – intenti a svolgere traffici illeciti, nascondendosi tra la moltitudine di persone presenti.

Questa mattina, poi, durante l’udienza che si è svolta nelle aule del tribunale di Mestre, il giovane nigeriano è stato condannato alla pena della reclusione per un anno e al pagamento di una multa di 3.000 euro, con l’applicazione del beneficio della condizionale.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Venezia, gli ambulanti non ce la fanno più: corteo contro abusivi e degrado in città

    • Cronaca

      È un fine settimana di degrado a Venezia: in bici tra le calli, sporcizia e rifiuti in giro

    • Cronaca

      A fuoco ramaglie, erba secca e residui di potatura: vigili del fuoco al lavoro per ore

    • Cronaca

      Rischio temporali, protezione civile ancora in stato di preallarme

    I più letti della settimana

    • Grosso incendio a Porto Marghera, va a fuoco una gru: fiamme alte 15 metri

    • Tragico incidente sulla Treviso-mare, frontale con un camper: muore sandonatese

    • Si sente male in azienda: muore tra le braccia della moglie

    • Parte uno sparo sulla nave da crociera attraccata a Venezia: "Caos a bordo"

    • Spiagge del Lido più vicine: torna la linea diretta degli autobus Actv da Marghera

    • Orgia in auto con due prostitute: "sul più bello" arriva la polizia municipale

    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento