Droga, bilancino e contanti: in manette un 33enne originario del Venezuela

Il materiale è stato recuperato nella sua auto dai carabinieri di Dolo, che da tempo stavano indagando sul presunto traffico illecito lungo la Riviera: l'uomo è stato arrestato per spaccio

I carabinieri della tenenza di Mira da un pezzo stavano tenendo sott'occhio la zona da lui frequentata per l’approvvigionamento e il successivo smercio della droga. P.J.P., 33enne, originario del Venezuela, ma residente nella Riviera del Brenta da anni, è stato arrestato ieri per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, mentre vari grammi di cocaina sono stati sottoposti a sequestro.

Grazie ad una serie di controlli mirati, i militari sono, infatti, riusciti finalmente ad identificare il responsabile di quel traffico illegale segnalato tra i centri abitati di Mira, Dolo e frazioni.
Le verifiche si sono concentrare all'interno dell’auto dell'uomo, adibita a veicolo di spaccio. E' qui che sono stati recuperati vari grammi di coca, opportunamente occultati sotto i sedili e confezionati in involucri, un bilancino elettronico di precisione e altro materiale usato per confezionare e preparare la sostanza stessa. Trovato, inoltre, anche del denaro contante, sequestrato perché ritenuto probabile provento di spaccio.

Condotto in caserma, il cittadino venezuelano è stato arrestato e trattenuto in carcere, a disposizione dell’autorità giudiziaria per gli adempimenti processuali.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus nel Veneziano: è un 67enne di Mira

  • Aumentano i casi positivi al coronavirus: aggiornamenti

  • Coronavirus, inizia la settimana più lunga: gli aggiornamenti

  • L'ordinanza del ministero della Salute e del presidente della Regione Veneto

  • Coronavirus: l'ordinanza per i Comuni colpiti del Veneto

  • Coronavirus: quali sono i sintomi e come comportarsi in caso di contagio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento