Fermati per un controllo: "Siete razzisti", e aggrediscono gli agenti

In manette due giovani stranieri controllati venerdì pomeriggio alla stazione ferroviaria di Mestre. Entrambi sono stati condannati e rimessi in libertà. Un poliziotto all'ospedale

Si sono mostrati nervosi già all’inizio del controllo. Non intendevano esibire i loro documenti e a una nuova richiesta degli agenti hanno perso il controllo. «Andate aff… Siete razzisti», hanno detto due giovani nigeriani ai poliziotti della polfer che venerdì pomeriggio li hanno fermati nel sottopasso centrale della stazione ferroviaria di Mestre. Subito dopo li hanno aggrediti. Fermarli non è stato facile, ci sono volute altre squadre ma alla fine I.P., di 22 anni, e O.E., di 25, sono stati arrestati. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due hanno cercato di evitare il controllo sostenendo che non ci fosse alcun diritto di fermarli. Uno di loro, poi, ha mostrato una carta d’identità e la fotocopia di una richiesta di asilo politico scaduta. Lo stesso che per primo ha alzato la voce e ha colpito un agente con una testata, supportato dal complice che lo ha spintonato con violenza. In quegli attimi concitati sono intervenute anche due guardie giurate che, insieme ad altri agenti, sono riuscite a fermare la coppia di stranieri. Entrambi sono stati arrestati e uno degli agenti è finito all’ospedale, dal quale è stato dimesso con una prognosi di dieci giorni. Sabato mattina gli aggressori si sono presentati in tribunale: udienza rinviata al 14 settembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento