Rubano da un furgone una borsetta con 450 euro: due in manette

È successo ieri sera in una zona residenziale di Caorle. Carabinieri allertati da alcuni residenti

Si aggiravano in modo sospetto, a bordo auto, effettuando diversi passaggi tra i condomini. Una circostanza strana, che ha messo in allarme alcuni residenti. Al termine di un breve pedinamento, ieri sera i carabinieri di Caorle hanno messo le manette ai polsi a due cittadini di nazionalità romena, entrambi pregiudicati, per il reato di furto con scasso.

Il pedinamento

Quando hanno individuato il veicolo della segnalazione, due gazzelle dell'Arma hanno seguito con discrezione i movimenti dei due uomini, anche dopo che questi si erano allontanti furtivamente dall'auto. Quando uno dei due, B.V.A. di 29 anni, si è avvicinato ad un altro veicolo parcheggiato in un posteggio pubblico, i militari hanno deciso di procedere con un controllo di rito. I sospetti erano fondati, dal momento che il giovane nascondeva una borsetta asportata poco prima da un furgone, al cui interno erano contenuti 450 euro in contanti.

In arresto

Ricerche successive hanno permesso anche di rintraccaire il complice, nascosto in un cespuglio di un parco limitrofo. Identificato per un suo connazionale, S.I.A. di 27 anni, è stato trovato in possesso di arnesi da scasso. Entrambi i delinquenti sono stati arrestati per furto aggravato in concorso. A seguito della direttissima, i due sono stati rimessi in libertà in attesa di giudizio.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Festa del Redentore: i migliori punti da cui ammirare i fuochi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento