Furti e ricettazione in concorso, 36enne di Cinto Caomaggiore finisce in carcere

La donna era stata indagata alla pari di altri quattro pregiudicati per una lunga serie di colpi nel Pordenonese e nel Padovano. I militari dell'Arma l'hanno condotta in carcere a Trieste

Carcere di Trieste

Nel suo passato furti aggravati in abitazioni, esercizi pubblici e commerciali. Ora si trova in carcere, a seguito di un ordine di esecuzione emesso dalla Procura della Repubblica di Pordenone. Si tratta della 36enne M.M., originaria di Cinto Caomaggiore, parte di un gruppo di 4 pregiudicati ritenuti responsabili di numerosi colpi messi a segno nel mese di aprile 2017 nel Pordenonese e nel Padovano.

Dietro alle sbarre

Alla pari di un suo "collega", che si trovava ristretto agli arresti domiciliari, la donna dovrà ora espiare dietro alle sbarre una pena di 2 anni e 8 mesi per furti e ricettazioni commessi a Sacile e Roveredo in Piano, in provincia di Pordenone, sempre lo scorso aprile. Dopo la notifica della Procura, i militari dell'Arma hanno condotto la donna nella casa cirocndariale di Trieste.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento