Condannato a 9 anni di carcere in Ungheria: arrestato dai carabinieri di Venezia

Adrian Laszlo Fajka, 40enne di origine ungherese, era fuggito alle forze dell'ordine dopo la condanna del tribunale. I militari lo hanno rintracciato a Cessalto

Nella mattinata di sabato 5 ottobre 2019, a Cessalto (Treviso), gli agenti del Nucleo investigativo del comando provinciale di Venezia, in collaborazione con la locale stazione dei carabinieri e in sinergia con il servizio per la cooperazione internazionale del ministero dell’Interno, ha rintracciato e arrestato Adrian Laszlo Fajka, 40enne di origine ungherese, latitante e ricercato internazionale, nei cui confronti pendevano due mandati di arresto dell'autorità giudiziaria magiara.

Oltre 9 anni da scontare

Il fuggitivo era stato condannato complessivamente, in via definitiva, a 9 anni e 7 mesi di reclusione per i reati di falso commessi nel paese di origine tra il 2014 e 2017 ed inerenti 63 casi di truffa commessi in Ungheria relativi alla vendita di autovetture o parti di ricambio. I militari hanno accertato che il ricercato si era stabilito in un abitazione rurale del comune trevigiano dopo aver dimorato alcuni mesi nell'area del sandonatese dove tra l’altro si era reso responsabile di reiterate insolvenze. L’arrestato è stato portato alla casa circondariale di Venezia in attesa della procedura di estradizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento