In casa attrezzatura da giardinaggio rubata per migliaia di euro: 31enne di Mira in manette

L'uomo, di etnia sinti, viveva da tempo nel Padovano. Nel garage della propria abitazione trovata anche una moto Honda 125 con numero di telaio abraso, rubata nel 2013 a Jesolo

Era un punto di riferimento per la ricettazione. Nel corso di un'indagine incentrata su furti di materiali da giardinaggio, i carabinieri di Piove di Sacco hanno messo le manette ai polsi ad un pregiudicato di etnia sinti, il 31enne L.L., con residenza a Mira, ma da tempo domiciliato nel Padovano, a Correzzola.

A destare sospetti il costante andirivieni di veicoli dalla sua abitazione, che ha spinto i militari dell'Arma a procedere con una perquisizione capillare di tutti i locali della propria abitazione. Una ricerca che ha dato i suoi frutti, dal momento che all'interno della proprietà dell'uomo è stata trovata attrezzatura provento di furti perpetrati nelle provincie di Venezia, Padova e Verona. Nello specifico, all'interno del garage del pregiudicato, sono stati trovati un soffiatore a motore del valore di 400 euro, rubato a Valli di Chioggia lo scorso mese di settembre, un decespugliatore e un soffiatore da 2mila euro provento di un furto a San Bonifacio (Verona) e un altro decespugliatore da 650 euro di cui l'uomo si era appropriato indebitamente a Vigonovo. Ma non solo, perché gli uomini in divisa hanno trovato anche un motociclo Honda 125 con numero di telaio abraso, la cui scomparsa era stata denunciata a Jesolo quattro anni fa, e 12 piante ormentali, del valore di 1000 euro circa, rubate ad aprile in un'azienda vivaistica di Saonara (Padova).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo aver effettuato tutti gli accertamenti del caso e aver appurato i rapporti "malavitosi" del 31enne con altre persone pluripregiudicate, i carabinieri hanno arrestato il ricettatore. Gli elementi probatori raccolti sono confluiti nella richiesta di misura cautelare avanzata dalla Procura del tribunale di Padova: il malvivente è stato quindi condotto in carcere a Padova, a disposizione dell'autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

Torna su
VeneziaToday è in caricamento