Assalto alle Poste: banditi fanno esplodere il bancomat

Il colpo martedì notte intorno alle due e mezza. Residenti svegliati dalla deflagrazione

I rilievi dei carabinieri, alla ricerca di tracce lasciate dai ladri

Un boato questa notte ha svegliato i residenti di Zianigo di Mirano. Colpa di una banda di ladri che ha fatto saltare in aria lo sportello delle Poste. I banditi sono entrati in azione intorno alle due e mezza. Non è chiaro, al momento, di quante persone fosse composto il gruppo. I carabinieri stanno analizzando in queste ore i filmati registrati dalle telecamere di sorveglianza della zona, anche per individuare l'auto sulla quale poi sono scappati. 

A lanciare l'allarme sono stati i residenti ma all'arrivo delle gazzelle ormai dei ladri non c'era già più traccia. Dai primi rilievi effettuati dagli investigatori, il colpo non sarebbe andato a segno. I malviventi non sono riusciti a portare via la cassetta con i contanti all'interno. Il denaro, infatti, grazie ai dispositivi di difesa si è incendiato o è stato macchiato. Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco. L'area martedì mattina è stata interdetta al passaggio con del nastro bianco e rosso. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rapina al Tronchetto: la vittima colpita con una pistola. Telecamere al setaccio

  • Cronaca

    Fatture false, sequestro da 600mila euro a una lavanderia

  • Mestre

    Impianti pagati, ma pazienti senza cure: verso la chiusura la clinica "IdeaSorriso"

  • Mestre

    Poliziotti si fingono impiegati di banca e arrestano un uomo con documenti falsi

I più letti della settimana

  • Omicidio a Venezia: anziano uccide la moglie con una coltellata

  • Auto nel Sile: i sommozzatori la recuperano, poi ne trovano un'altra

  • Ciclista investito finisce a terra e perde la vita

  • Colpito alla testa e derubato del trolley, dentro decine di migliaia di euro in contanti

  • Incendio all'hotel Excelsior: fiamme in cucina nella notte

  • Scomparso da giorni, ammette: «Ero fuggito per debiti di droga»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento