Odissea al Pronto Soccorso, 5 ore di attesa per 10 minuti di visita

Mercoledì all'ospedale di San Donà un'anziana ha dovuto attendere dalle 10.30 alle 15.15: si era presentata accusando dei forti dolori al braccio

“Cinque ore di attesa per una visita di dieci minuti. Una cosa impossibile, una vergogna”. A sbottare è una donna di San Donà di Piave, che mercoledì è stata dalle 10.30 del mattino alle 15.15 in sala d’attesa al Pronto Soccorso cittadino. Un’attesa snervante che pare abbia sollevato le proteste anche di molti altri pazienti. Come riporta Il Gazzettino, ad alzare la voce è la figlia della donna.

Ha accompagnato sua madre in Pronto Soccorso a causa di un forte dolore al braccio, le è stato assegnato il codice verde e non ha dovuto far altro che attendere. Nel frattempo il dolore aumentava, la donna racconta di aver chiesto almeno una tachipirina senza nemmeno ottenere un riscontro. Alle 15 la figlia si è stancata: ha cercato un’infermiera, ha alzato la voce, ha spiegato di voler portare via la madre per farla visitare altrove. “Aspetti ancora pochi minuti”, le è stato risposto.

E così effettivamente è stato. Ma la donna comunque non ci sta: “Non c’erano codici rossi o altre urgenze, semplicemente se la sono presa comoda – dichiara infuriata -, a Jesolo poco tempo fa nel giro di un’oretta avevamo fatto tutto”. Malumori per tempi d’attesa così lunghi, in ogni caso, negli ultimi mesi si sono sollevati anche in altri ospedali della Provincia. Proprio per evitare il congestionamento di pazienti, l’Ulss 13 di Miranese e Riviera ha diffuso una nota invitando l’utenza a rivolgersi al Pronto Soccorso solo se ne vale veramente la pena. “Per molti aspetti è meglio rivolgersi ai medici di base” scrisse la direzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Apre il nuovo supermercato Aldi di Mestre

  • Epilessia: anche nel distretto di Mirano-Dolo c’è una risposta a questa malattia neurologica

  • Auto esce di strada e finisce contro un platano, morta una 38enne

  • Controlli a tappeto nel Veneziano, quattro arresti

  • Fermato con la cocaina, in casa un arsenale di armi e esplosivo al plastico

  • Badante si schianta con l'auto: aveva un tasso alcolemico di 3,33

Torna su
VeneziaToday è in caricamento