Auto distrutta dalle fiamme a Chirignago: "In due hanno gettato materiale infiammato"

Pochi dubbi, stando a una testimonianza, la matrice dolosa dell'incendio che ha coinvolto verso le 3.30 una Toyota Yaris in sosta in via Ghetto, all'incrocio con via Miranese

Foto dei vigili del fuoco

Un testimone avrebbe visto due persone lanciare del materiale infiammato sotto l'auto per poi allontanarsi il prima possibile. Pochi dubbi, se le parole del segnalante sono veritiere, sulla matrice dolosa dell'incendio che, nella notte tra sabato e domenica, ha completamente distrutto una Toyota Yaris vicino a un'abitazione di via Ghetto a Chirignago, più o meno all'altezza dell'incrocio con via Miranese.

Allarme nella notte

L'allarme è scattato verso le 3.30, quando i vigili del fuoco sono dovuti intervenire con due squadre per spegnere le fiamme. Sul posto sono giunti anche gli uomini della polizia locale, che hanno effettuato un sopralluogo. Le indagini sono in corso per identificare le due persone che avrebbero causato il rogo: le autorità tenteranno di capire se il proprietario dell'auto possa avere avuto attriti con qualcuno o avesse ricevuto minacce in passato.

Ennesima auto distrutta nel Veneziano

Fatto sta che si tratta dell'ennesima auto incendiata in territorio veneziano: solo 24 ore prima era toccato a due automobili in sosta a Jesolo Lido, di proprietà di un imprenditore, essere ridotte a un cumulo di lamiere annerite. Anche in questo caso sembra acclarato che non si sia trattato di un incendio accidentale.  

Potrebbe interessarti

  • Consigli anti stress per il rientro dalle vacanze

I più letti della settimana

  • Gita in pedalò, entra in acqua e non riemerge: 23enne recuperato morto

  • Confermati temporale e grandine, nel Veneziano crolleranno le temperature

  • Incidenti sul Passante: una Ferrari incastrata sotto un camion

  • Schianto in autostrada, morta una 22enne

  • Dalla pesca al furto: denunciati ragazzi veneziani

  • Scivola e batte la testa, escursionista veneziano portato all'ospedale

Torna su
VeneziaToday è in caricamento