La procura dispone l'autopsia sul corpo di Cesare Martellozzo

L'esame sarà effettuato lunedì. L'imprenditore era arrivato all'ospedale cosciente

La procura di Venezia ha disposto l'autopsia per chiarire le cause della morte di Cesare Martellozzo, l'imprenditore di Jesolo scomparso martedì pomeriggio a seguito di un inciente stradale. Il 48enne dopo lo schianto era rimasto cosciente ma una volta arrivato all'ospedale, mentre veniva sottoposto ad accertamenti, le sue condizioni si erano aggravate e i medici non erano riusciti a salvarlo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'esame autoptico è previsto per la giornata di lunedì e servirà a comprendere quale sia stata effettivamente la causa del decesso. Dalle prime verifiche fatte al pronto soccorso di Jesolo sembra che l'imprenditore, titolare del chiosco Mercedes di piazza Mazzini, con l'impatto abbia riportato un gravissimo trauma addominale. Il 48enne era in sella a una Vespa e stava percorrendo via Aquileia quando, intorno alle 12, un'auto si era immessa da una laterale, via delle Ondine. Martellozzo era stato accompagnato all'ospedale in ambulanza, cosciente, e intorno alle 14 il suo cuore aveva smesso di battere. La donna al volante, una turista di Cremona, è stata indagata per omicidio stradale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un pene in cemento compare a San Marco

  • «Assembramenti fuori dai locali, gente senza mascherina: così torniamo indietro»

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Maneggio in fiamme: feriti padre e figlia, morti quattro cavalli

  • Pericoloso inseguimento in laguna, giovane sperona la volante: 25enne arrestato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento