Baby gang: «Già 30 persone assicurate alla giustizia, ma il lavoro non è finito»

Lo ha detto il prefetto di Venezia, Vittorio Zappalorto, in seguito alle cinque misure eseguite ieri a carico degli autori del pestaggio a Rialto. Resta l'intenzione di incontrare i genitori

Il pestaggio a Rialto

Sulle baby gang «c'è un lavoro in corso d'opera, ci stiamo lavorando da mesi e non è ancora chiuso»: a dirlo è il prefetto Vittorio Zappalorto, che stamattina, in seguito ai nuovi 5 arresti eseguiti ieri nei confronti dei responsabili del pestaggio a Rialto, ha tirato le somme di quanto fatto fin qui: «Una trentina di persone sono assicurate alla giustizia - ha ricordato - e per questo un ringraziamento va, oltre che alle forze dell'ordine, anche alla magistratura».

Violenza e baby gang

«È una questione angosciante per i cittadini - ha aggiunto -. Questi ragazzi sono tutti seguiti dai servizi sociali, sia all'interno delle comunità che in carcere. Questo è un momento fondamentale per loro, di formazione e riflessione». Sul fronte della prevenzione, invece, «c'è un protocollo con il Comune relativo al bullismo». Zappalorto ha ribadito l'intenzione di incontrare le famiglie dei violenti, o almeno una parte di esse: «Ho sempre in programma l'incontro con i genitori - ha detto -. Lo farò con chi ha dimostrato di voler collaborare, e li incontreremo assieme alla squadra mobile e al Comune, perché poi è al Comune che spetta mandare avanti progetti in questo senso».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Plauso per l'arresto del ladro seriale

Sempre stamattina il prefetto si è congratulato con gli agenti del commissariato di Mestre per l'arresto del ladro seriale che negli ultimi mesi avrebbe messo a segno decine di furti in appartamento tra Mestre e Marghera. «È stata restituita serenità a un intero quartiere - ha detto - È un'operazione significativa ed è stato importante anche incontrare i cittadini, che hanno collaborato e dato elementi utili alla polizia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

  • Auto fuori strada, morto un uomo

  • Lite finisce nel sangue: 37enne accoltella l'ex suocero

Torna su
VeneziaToday è in caricamento