Baby gang picchia a sangue un uomo: denunciati tre minorenni

Il pestaggio è avvenuto in campo Santi Apostoli a Venezia e risale allo scorso dicembre. I ragazzini hanno tutti tra i 15 e i 16 anni

Campo Santi Apostoli

Lui stava passeggiando e si reggeva in piedi a fatica, visto che aveva alzato un po' troppo il gomito. Non li ha provocati. Sono stati loro ad avvicinarsi e, senza un motivo, ad aggredirlo. Lo hanno steso con dei pugni e, una volta a terra, hanno cominciato a prenderlo a calci. Poi sono scappati. A due mesi di distanza, la polizia municipale ha denunciato i tre autori di un brutale pestaggio avvenuto in campo Santi Apostoli a Venezia. Sono tutti ragazzini di età compresa tra i 15 e i 16 anni, provenienti dal centro storico e dalla terraferma. Una baby gang come quelle che nell'ultimo periodo hanno compiuto una serie di aggressioni immotivate e di rapine tra le calli e sulle quali sta indagando la squadra mobile insieme al Commissariato San Marco. 

L'aggressione

Il pestaggio risale alla sera del 2 dicembre. Erano le 20.40 quando la polizia locale, che stava svolgendo un servizio di pattugliamento in Strada Nuova, è stata allertata per un'aggressione in Campo Santi Apostoli. Al loro arrivo, gli agenti hanno soccorso la vittima del pestaggio ma degli autori non c'era più nessuna traccia. L'uomo, un 40enne brasiliano, è stato accompagnato al pronto soccorso per un trauma cranio facciale e una frattura al naso. Gli agenti, oltre ad aver ascoltato le testimonianze, hanno acquisito subito i filmati registrati dalle telecamere di sorveglianza della zona, che hanno ripreso l'aggressione. Anche grazie alle immagini sono riusciti a dare un volto e un nome ai ragazzini, che sono stati denunciati per lesioni personali volontarie pluriaggravate. 

Le altre baby gang

Le indagini, però, non si fermeranno qui. Allo stato, infatti, non è chiaro se il gruppetto di minorenni sia coinvolto anche in altri episodi che in quest'ultimo mese si sono susseguiti in centro storico. Dopo questo pestaggio in Campo Santi Apostoli, infatti, un gruppetto di baby bulli aveva aggredito un 30enne veneziano a San Polo che era intervenuto in difesa di un bengalese che i ragazzini stavano infastidendo. Qualche giorno dopo, dalle parti di Sant'Aponal, una baby gang aveva rapinato tre ventenni e uno dei minorenni aveva colpito una delle vittime al volto con un tirapugni. La stessa «arma» utilizzata la settimana successiva in un'aggressione nei confronti di tre universitari a San Basilio, uno dei quali dimesso dall'ospedale con una prognosi di 40 giorni. Nei giorni scorsi, poi, a Mestre un altro bengalese era stato rapinato da dei giovanissimi. E, ancora, i carabinieri stanno indagando su un pestaggio di gruppo nei confronti di un ragazzino ai giardini della Marinaressa, per il quale è già stato denunciato un 16enne di Marghera.

Potrebbe interessarti

  • Il Cibo del Risveglio: il convegno nazionale su come vivere fino a 120 anni

  • Consigli anti stress per il rientro dalle vacanze

  • Memoria olfattiva: cos'è e come viene sfruttata dal marketing

I più letti della settimana

  • Schianto auto-moto, due all'ospedale. Bloccato l'autista, guidava ubriaco

  • Un bambino salvato sulla spiaggia a Jesolo

  • Scivola e batte la testa, escursionista veneziano portato all'ospedale

  • Due bagnini indagati per l'annegamento a Jesolo

  • Festival Show fa tappa a Mestre con Lo Stato Sociale, Dolcenera, Fausto Leali e tanti altri

  • Schianto tra un'auto e una moto lungo la Romea: un ferito grave e traffico nel caos

Torna su
VeneziaToday è in caricamento