Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Due o tre "capetti" alla guida delle bande. «Sappiamo chi sono. Serve dialogo, ma anche repressione»

 

Sono 27, due o tre particolarmente pericolosi. «Sappiamo chi sono, mi rivolgo a loro e alle famiglie - spiega il sindaco Luigi Brugnaro in riferimento alle bande di adolescenti violenti che imperversano tra Mestre e Venezia -. Alcuni di loro vanno arrestati, ad altri dico: ripensate a quello che fate. Sono ragazzi di 15, 16 anni che picchiano la gente per niente, si stanno rovinando la vita». «Alcune famiglie hanno situazioni difficili - aggiunge -. Abbiamo attivato i servizi sociali, abbiamo delle proposte di lavoro. Ma arriverà anche la bastonata, perché sono episodi gravi».

Il prefetto Vittorio Zappalorto, invece, ha spiegato che intende approfondire tutta la «filiera educativa». «L'educazione parte dalla famiglia - ha detto -. Poi vorrei capire se vanno a scuola, chi sono gli insegnanti. Voglio rendermi conto. Sentirò anche il giudice e la procura dei minori per capire cosa si può fare. Ma a 14-15 anni solo l'educazione può fare qualcosa: a metterli in carcere si rischia di fare peggio».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento