Dieci giorni dopo Simona riabbraccia il neonato che ha aiutato a far nascere nel taxi

L'agente di polizia locale ha incontrato di nuovo il piccolo Izam, partorito a piazzale Roma

Dalla sera dello scorso 17 dicembre non si erano più visti, ora i loro sguardi si sono incrociati di nuovo. Simona "Nata" Boscolo, la giovane agente di polizia locale che pochi giorni fa aiutò una donna a partorire a piazzale Roma a bordo di un taxi, questa mattina ha fatto visita al neonato, Izam (che gode di ottima salute), e ai suoi genitori. Ad accompagnare la vigilessa c'era il collega Luca Cimarosti, che quella sera era in servizio con lei.

Nei giorni scorsi il padre del piccolo ha espresso parole di gratitudine per Simona: «Non potrò mai dimenticare quello che ha fatto - ha detto - Sarò in debito per sempre con lei. Temevo per le complicazioni del parto, l'attesa dell'ambulanza sembrava eterna, mia moglie non ce la faceva più. In quell'attimo, d'istinto e grazie a Dio, mi sono sentito di chiedere aiuto alla vigilessa. Ero al cellulare in linea con il pronto soccorso, ma ho detto a Simona di aiutarmi perché non avevo più la forza e la lucidità di capire cosa gli operatori mi stessero chiedendo di fare. Poi lei ha preso in mano la situazione».

vigilessa 02_censored-2

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • brava e coraggiosa.complimenti alla vigilessa ed un grande abbraccio alla piccola e auguri di buona e lunga vita ai genitori.buon 2019

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Omicidio a Venezia: anziano uccide la moglie con una coltellata

  • Mestre

    Tentata rapina per strada: un uomo minacciato con coltello, preso l'aggressore

  • Incidenti stradali

    Esce di strada e finisce ruote all'aria: automobilista salvo per miracolo

  • Attualità

    Sindaci in tour per gli ospedali "in comune" della Riviera del Brenta e Miranese | VIDEO

I più letti della settimana

  • Schianto tra auto e tram sul ponte della Libertà, traffico bloccato a piazzale Roma

  • Trovato il corpo senza vita di Alex Gerolin

  • Chiuso un bar di Marghera: per le forze dell'ordine è un ritrovo di pregiudicati

  • Si sente male in piscina, 19enne muore in ospedale

  • Furto alla darsena, spariti motori dalle barche per 20mila euro

  • Scomparso da giorni, ammette: «Ero fuggito per debiti di droga»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento