I timoni della barca a vela vanno in avaria, lo skipper lancia il "may day": a bordo 8 minori

È successo nella mattinata di domenica, a 16 miglia dalla bocca di porto del Lido. A bordo dieci persone, due gli adulti. Guardia costiera intervenuta per salvare i passeggeri

Non era più in grado di governare l'imbarcazione per una grave avaria ai timoni. Il "may day" ripetuto tre volte sul canale radio 16 di emergenza è pervenuto alla sala operativa della guardia costiera di Venezia alle 10.45 di domenica, la richiesta di assistenza dal conducente di una barca a vela che si trovava a circa 16 miglia di distanza dall’imboccatura di porto del Lido di Venezia.

Le condizioni meteomarine caratterizzate da mare forza 3 e vento teso da nordest stavano debilitando i passeggeri del natante, dieci in tutto, tra i quali 8 adolescenti tra i 12 e i 16 anni e due adulti di nazionalità belga e polacca, a causa dei movimento di rollio e boccheggio dell'unità: si è reso necessario, quindi, l'invio immediato della motovedetta costiera CP2095, idonea all'attività di ricerca e soccorso grazie all'elevata tenuta del mare.

I militari, giunto sul posto a stretto giro di posta, hanno subito intercettato l'imbarcazione in avaria, trasbordando 9 persone sulla motovedetta, diretta al porto di Venezia per lo sbarco in prossimità della sede della capitaneria di porto. Lo skipper della barca a vela è rimasto invece a bordo, in attesa di un'imbarcazione specifica che ne permettesse il traino fino a riva. Le condizione di mare difficili, tuttavia, sommate alla lunga permanenza in mare, hanno costretto l'uomo a richiedere nuovamente assistenza, riuscendo a mala pena a stare a bordo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dalla centrale operativa della guardia costiera, quindi, è stata dirottata in direzione dello skipper il gommone d'altura Zodiac GCA03, già in mare per altre attività di polizia. In breve tempo il malcapitato è stato recuperato e l'imbarcazione ancorata per evitare ogni altro pericolo per la sicurezza della navigazione. Un ulteriore battello pneumatico ha poi consentito il trasbordo dello skipper, trasferito poi alla capitaneria di porto, dove lo attendeva il resto del gruppo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

  • Coronavirus, i dati aggiornati del 26 marzo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento