homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Il figlio del macellaio ucciso: "Battisti continua a scappare, a prendere in giro tutti"

Adriano Sabbadin, figlio di Lino ucciso dal brigatista rosso ora in esilio dorato in Brasile, ride amaro. Il latitante pare non sia più raggiungibile nel paese che l'ha accolto

Sostiene di aver riso apprendendo la notizia della possibile latitanza in Brasile di Cesare Battisti, ma quello di Adriano Sabbadin è un riso amaro che sa di beffa. Il figlio del macellaio di Santa Maria di Sala Lino Sabbadin, che nel febbraio del 1979 venne ucciso da un commando di cui faceva parte Battisti, si sfoga con l'ANSA: "Quando ho saputo la notizia mi sono messo a ridere. Perché quella di scappare - commenta - è una cosa banale per Battisti. Continua a prendere in giro tutti quanti". "Questo è l'unico commento che mi sento di dare - dice ancora - .In me c'é tanta rabbia perché dovrebbe essere in galera". Adriano Sabbadin aveva inviato un anno fa un appello alla presidente brasiliana Dialma Rousseff per far consegnare l'ex terrorista dei Pac alla giustizia italiana. Una posizione che gli era costata in una lettera anonima con minaccia di morte recapitata nella sua villetta. (ANSA)

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di franco
    franco

    penso che la storia di Battisti sia triste e che i familiari delle sue vittime meritano giustizia per loro e per la vittima per tanto odio.Il giusto posto di Battisti sarebbe in fondo a una cella però è libero. E' libero come tutti quelli dei servizi segreti italiani che hanno imboscato e ostacolato tutte le verità sulle stragi (Italicus, Piazza Fontana ecc,,). la maggior parte di queste persone sono libere e chi in Portogallo o in Sud Afriaca oppure negli Stati Uniti vivono in lussuose ville a nostre spese, unico loro compito e continuare a nascondere e ostacolare la verità. i familiari delle vittime del terrorismo che aspettano giustizia soto tante ma ...........

  • Questo signore in fondo si può chiamare fortunato, perché c'è qualcuno qui in Italia che non desidera per niente che Battisti rientri, altrimenti sono guai per più di qualche vecchio politico.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Battono la testa sul ponte mentre ammirano le bellezze della Riviera, due feriti gravi

  • Cronaca

    "Collezionista" di documenti falsi in Belgio: i carabinieri lo intercettano in albergo a Bibione

  • Cronaca

    Terremoto: vigili del fuoco veneziani partiti per l'emergenza in centro Italia

  • Cronaca

    Degrado a Venezia, incontro tra procuratore e polizia locale: indagini in corso

I più letti della settimana

  • Turisti senza ritegno, ora Venezia diventa anche latrina: la foto choc gira sul web

  • Degrado no-stop: un'altra donna fa pipì all'aperto a Venezia, turisti in tenda ai Tolentini

  • Non c'è pace per gli automobilisti, furti in serie nella notte ai veicoli parcheggiati

  • Si masturba in spiaggia davanti ad una donna in bikini: rintracciato, è stato denunciato

  • Noale: fuori di sé nel bar, volano pugni e sedie. Arrivano i carabinieri, finisce in ospedale

  • Fatture false nel commercio di pneumatici, evasione per decine di milioni: 11 denunce

Torna su
VeneziaToday è in caricamento