Blitz di protesta al banchetto di Costa Crociere al Career Day di Ca' Foscari

Giovedì mattina gli attivisti del Collettivo Lisc hanno fatto irruzione nella sede dell'Ateneo contro precariato e stage: "E' l'economia della promessa, noi chiediamo tutt'altro dal lavoro"

Blitz del Collettivo universitario Lisc giovedì mattina a Ca' Foscari, in occasione dell'undicesima edizione del Career Day. Si tratta dell'evento che ha come obiettivo agganciare la domanda di lavoro con l'offerta, attraverso la presenza delle aziende del territorio e di multinazionali. Ed è proprio questa presenza "ingombrante" che ha indotto alcuni manifestanti a entrare nella sede dell'Ateneo e a irrompere nell'area dedicata ai colloqui srotolando dalla facciata del palazzo uno striscione con scritto "Ca' Foscari svende il sapere. Fuori le multinazionali dall'università". 

Blitz durante il banchetto

"Abbiamo voluto sanzionare e denunciare Costa Crociere e le altre multinazionali invitate da Ca’ Foscari - si legge in una nota del collettivo - Ci indigna che il nostro ateneo creda di poter sponsorizzare e promuovere lo sfruttamento dei suoi studenti da parte di aziende responsabili, tra le altre cose, del cambiamento climatico attraverso i modi di produzione capitalistici. Abbiamo deciso di colpire in particolare Costa Crociere chiudendone il banchetto in quanto giovani attivisti impegnati nella lotta ambientale contro le grandi navi a Venezia. La risposta alle esigenze di occupazione del nostro Paese è quindi, secondo il nostro ateneo, promuovere posizioni da stagista, lavori sottopagati, contratti ridicoli".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ca' Foscari come agenzia interinale

Secondo i promotori della protesta Ca' Foscari si ergerebbe "ad agenzia interinale, veicolando e promuovendo politiche occupazionali che, studi scientifici alla mano, comportano fortissimi disagi sociali, oltreché economici". "Nessuna soluzione si prospetta per la nostra città e per il suo futuro - hanno sottolineato - Ca'Foscari non deve essere complice di tutto ciò e finché lo farà noi torneremo a far sentire la nostra voce. Non smetteremo di rivendicare l'università come spazio di costruzione di un sapere critico e socialità: il nostro ateneo non è una vetrina per aziende schiaviste ed inquinatrici".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

Torna su
VeneziaToday è in caricamento