Nessuno accetta i buoni pasto, lavoratori costretti a pagarsi il pranzo

La situazione è stata riportata da Adico. Si tratterebbe di nuovi buoni di cui fruiscono i dipendenti di molti enti, anche dell'Ulss 3

All’inizio venivano accettati in ogni esercizio pubblico e supermercato. A poco a poco, però, sarebbero diventati "carta straccia", visto che bar, ristoranti e punti vendita mestrini avrebbero cominciato a rifiutarli. Si tratta di nuovi buoni pasto in uso ai dipendenti di enti che hanno al proprio interno centinaia di lavoratori.

«Forse un problema di commissioni»

Il problema avrebbe cominciato a concretizzarsi a febbraio, con l’emissione dei buoni, ma con il tempo si  fatto sempre più grave, come segnalato all’Adico da un dipendente dell'Ulss 3, il quale si è rivolto all’associazione per chiedere l’assistenza dell’ufficio legale. In pratica, come spiegato, «questo tagliandi serie inizialmente venivano accettati ovunque. Poi, a poco a poco, esercizi pubblici e supermercati hanno cominciato a non ritirarli più, probabilmente per un problema legato alle commissioni. A quanto mi risulta allo stato attuale, almeno nella zona dove lavoro io, li accetta solo una pizzeria. Ora io mi trovo con 40 buoni pasto da 5,16 euro inutilizzati e inutilizzabili. E credo che nella mia stessa situazione ci siano centinaia di altre persone».

Adico: «Chiederemo spiegazioni»

A questo punto, come spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Adico, valuteremo con il nostro ufficio legale un possibile intervento perché non si può pensare che questi lavoratori continuino a pagarsi il pranzo quando hanno diritto al buono. Ora analizzeremo bene la situazione per poi scrivere alla società che emette quei tagliandi  e chiedere spiegazioni. «Naturalmente - continua Garofolini - se non si trova una soluzione in tempi molto rapidi, chiederemo agli enti che utilizzano questi buoni, di cambiarli oppure, lo diciamo in modo provocatorio, di mettere nelle busta paga quei 4 euro che l’azienda paga per i tagliandi da 5,16 euro».

Potrebbe interessarti

  • Festa del Redentore: i migliori punti da cui ammirare i fuochi

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

  • Bidoni della spazzatura: come fare per averli sempre puliti

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

  • Confermati i domiciliari per Marinica, accusato di aver provocato l'incidente di Jesolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento