Scoperta a Ca' Bianca una discarica abusiva di barili d'olio esausto

Sono i risultati delle ispezioni della guardia di finanza. A Pellestrina, invece, è stata trovata una barca abbandonata che stava sversando carburante in acqua

Nei giorni scorsi 6 fusti da circa 200 chili contenenti olio esausto e idrocarburi sono stati individuati dal reparto aeronavale della guardia di finanza lungo l’argine del fiume, in prossimità della confluenza con il Bacchiglione, nella frazione Ca’ Bianca del comune di Chioggia. I militari hanno delimitato l’area e presentato la notizia di reato a carico di ignoti per abbandono di rifiuti e distruzione e deturpamento di bellezze naturali. La zona sequestrata, di circa 50 metri quadri, è di proprietà del demanio pubblico. Ora i finanzieri stanno cercando gli autori del reato.

Negli stessi giorni l’elicottero della sezione aerea di Venezia ha individuato invece un motopeschereccio ormeggiato nel canale di Pellestrina. La barca stava disperdendo liquido, presumibilmente idrocarburo: a quel punto i militari sono intervenuti per identificare il responsabile e contestargli - per ora - l’abbandono di rifiuti. Ulteriori approfondimenti serviranno per capire se si sia trattato di un singolo episodio o se invece l'uomo sia dedito regolarmente allo smaltimento illegale di rifiuti.

DSC_0780-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Ristoratore arrestato: spacciava droga

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

  • Auto in fosso: morto un 38enne, una donna estratta viva

  • Acqua alta fino a 145 centimetri, bollettino aggiornato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento