Ca' Roman pronta per la stagione: 200 sacchi di rifiuti raccolti e opere sulla spiaggia

Volontari all'opera, lo scorso fine settimana, anche per realizzare palizzate a protezione dei nidi di volatili, i fratini a rischio di estinzione, che in zona depongono le uova sulla sabbia

La riserva naturale Ca' Roman ha iniziato i preparativi per la bella stagione, lo scorso fine settimana, anche grazie al contributo delle scolaresche e dei volontari di di tutte le età.

Pulizia

I ragazzi della scuola Vendramin Corner al completo (circa 200 alunni e 16 insegnanti) venerdì hanno pulito la spiaggia dalla plastica. Tale operazione va fatta a mano perché si devono separare gli scarti dalla sostanza organica, depositata dalle mareggiate sull’arenile. Questa, lasciata sul posto, ha una funzione insostituibile di “starter” di tutto l’ecosistema: dalla sua decomposizione si otterranno i nutrienti per le erbe pioniere e le graminacee che formano le dune. Svolge inoltre una funzione attrattiva per gli insetti, i crostacei, e gli invertebrati vari, che diventano a loro volta cibo per gli uccellini che frequentano le spiagge.

IMG_1032 piccola-2

200 sacchi di rifiuti

Il mare non distingue tra ciò che è utile e ciò che inquina le coste, deposita tutto, il lavoro dei ragazzi del Vendramin Corner è stato insostituibile. Hanno raccolto circa 200 sacchi di immondizia, riempiti con i guanti dagli operatori Veritas, la mattina stessa. Domenica, dopo un normale sabato di visite guidate, sono state realizzate delle palizzate a difesa della nidificazione dei fratini Charadrius alexandrinus, piccoli uccellini che depongono le uova sulla sabbia della spiagge, e che sono a fortissimo rischio di estinzione.

IMG_1069 piccola-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contributi

L’operazione ha visto la partecipazione di alcuni attivisti della Lipu, e ha coinvolto anche alcuni turisti, fra cui una famiglia al completo proveniente dalla Giudecca, tre generazioni (nonno, papà e figli), che hanno contribuito alla costruzione del recinto che preclude una parte di spiaggia alla frequentazione umana. Le recinzioni servono a garantire un po’ di spazio ai fratini senza la presenza di bagnanti, che arrecano disturbo anche grave ai volatili. Quasi sempre infatti questi non si accorgono nemmeno della presenza delle uova o dei piccoli uccellini sulla sabbia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

Torna su
VeneziaToday è in caricamento