Si ubriaca mentre serve ai tavoli, poi resiste ai militari: cameriere in manette

L'episodio ieri sera in un ristorante di Venezia, in prossimità del ponte di Rialto. Alterato per l'alcol, avrebbe cominciato ad importunare la clientela

Ha cominciato a bere mentre si trovava in servizio, fino ad ubriacarsi. Protagonista della vicenda un 48enne di nazionalità tunisina, impiegato come cameriere da diverso tempo in un ristorante in prossimità del ponte di Rialto. Evidentemente alterato dai fumi dell'alcol avrebbe cominciato a diventare molesto, disturbando la clientela. Inevitabile a quel punto l'intervento dei militari dell'Arma, che si sono trovati di fronte una persona non certo facile da riportare alla calma. Per lui, al termine delle formalità di rito, sono scattate per l'uomo le manette per resistenza a pubblico ufficiale.

L'intervento dei carabinieri

I carabinieri del nucleo natanti di Venezia erano intervenuti su segnalazione del titolare, incapace di porre un freno al proprio dipendente. Il tunisino, visti gli uomini in divisa, avrebbe rifiutato di declinare le proprie generalità, dimostrandosi scontroso e opponendo resistenza fisica. Dopo essersi creati un contesto di sicurezza, i carabinieri hanno neutralizzato il dipendente del locale, accompagnandolo in caserma per ulteriori accertamenti e per evitare ulteriori problemi al ristoratore. Il 48enne è stato quindi arrestato e messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento