Canali e traffico nelle Ztl, rivoluzione di ordinanze in Comune

"Più facile il trasporto merci e apèprodi pubblici": presentate le novità circa le deroghe ai transiti nelle zone a traffico limitato e l'istituzione dei punti sosta per i diportisti

“Dopo un lungo periodo di gestazione e un ampio confronto in città con le categorie interessate, il settore Mobilità della direzione Mobilità e trasporti del Comune di Venezia ha approvato una serie di ordinanze che affrontano la complessa riorganizzazione della circolazione in Canal Grande e nei rii interni". Con queste considerazioni, l'assessore comunale al Traffico acqueo e mobilità, Ugo Bergamo, ha illustrato le nuove ordinanze sulla circolazione acquea nella Ztl del centro storico, sulla disciplina dei transiti in deroga e sull'istituzione di punti sosta per diportisti. Le prime due da domani saranno pubblicate nel sito del Comune e all'albo pretorio ed entreranno in vigore il 1 giugno.

Lo scopo di tali provvedimenti, secondo Bergamo, è quello di rendere più agevole e funzionale il trasporto merci e il trasporto non di linea e garantire la mobilità ai diportisti nei rii del centro storico grazie all'individuazione di approdi pubblici in cui sostare. Il punto maggiormente innovativo è quello che prevede che tutte le rive, non destinate ad attività specifiche, siano utilizzate dai diportisti. “In ogni insula censita ci sarà almeno una riva dedicata ai residenti che così potranno ormeggiare la loro imbarcazione. Una piantina tascabile indicherà le rive idonee, mentre su un disco orario si dovrà segnalare l'inizio della sosta e il recapito cellulare del conducente.  Una svolta importante che va nel senso della riappropriazione della città.”

Anche sulle modalità della raccolta dei rifiuti in area marciana e del loro trasferimento nelle apposite imbarcazioni, ci sarà una generale rivisitazione. Il progetto prevede sia la riduzione dei punti di raccolta che da 34 passeranno a 25, che il loro trasferimento verso l'esterno dei canali. Ma la radicale trasformazione è quella che fissa entra il 1. gennaio 2015 la raccolta notturna delle immondizie nel cuore della città.” La buona riuscita di questo disegno – ha spiegato Bergamo - è legata agli sviluppi tecnologici perchè servono strumenti di caricamento dei rifiuti che non sia rumorosi. C'è tempo per avviare la sperimentazione che sarà eseguita in un periodo ancora da definire, per 15 giorni, sufficienti per capire l'utilità del sistema e la sua bontà in merito al moto ondoso e alla circolazione nei canali interni.”

Ma sono stati trattati anche altri temi tra cui le 4mila deroghe annuali sulla circolazione, che avranno un diverso percorso burocratico: si passerà da un regime derogatorio a un regime normato, in cui sarà più semplice ottenere l'autorizzazione. Inoltre il Rio Novo sarà accessibile nel doppio senso di marcia per i taxi e per il trasporto merci durante l'intera giornata. Infine il 1 ottobre di quest'anno diventerà obbligatorio per i trasporti commerciali, l'attivazione di un Gps collegato al sistema Argos per rafforzare il controllo e la repressione degli eventuali eccessi di velocità.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

  • Finiscono in acqua dal vaporetto, morte due donne

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Bollettino contagi e ricoveri per Covid-19 domenica mattina, regione e provincia

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

Torna su
VeneziaToday è in caricamento