Preso l'uomo che si aggirava con un coltello tra le calli di Venezia

È stato intercettato dalla polizia e denunciato, con sé aveva anche dell'eroina. Le sue incursioni erano state segnalate nei giorni scorsi con dei volantini affissi in città

Venezia, archivio

È stato individuato il "misterioso" aggressore segnalato nei giorni scorsi da alcuni volantini affissi tra le calli di Venezia. L'uomo era descritto come pericoloso e gli erano attribuiti episodi di minacce ai passanti con l'uso di un coltello, tanto che i poliziotti del commissariato di San Marco e delle volanti hanno intensificato i pattugliamenti fino ad intercettarlo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aggressioni con coltello a Venezia

L'uomo è stato avvistato nella notte tra mercoledì e giovedì, verso le 2, in zona calle Contarini, a Dorsoduro. Lui ha accelerato il passo, cercando di allontanarsi, ma gli agenti lo hanno bloccato per procedere con i controlli: effettivamente l'uomo aveva con sé una lama di coltello (priva di manico, della lunghezza di 10 centimetri), oltre a quattro involucri contenenti 2,4 grammi eroina. Identificato per T.F., kosovaro di 30 anni, è stato denunciato stato di libertà per i reati di porto di oggetti atti ad offendere e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Gli accertamenti proseguono proprio per attribuirgli con certezza ulteriori episodi di aggressione o minaccia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dati aggiornati sul contagio in Veneto e in provincia

  • Aggiornamenti serali su contagi e ricoveri in provincia di Venezia e in Veneto

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti del 24 marzo sera

  • Quasi 6000 positivi al coronavirus in Veneto, altri morti in provincia

  • Quasi 900 positivi in provincia, altri 2 morti all'ospedale di Dolo

  • Mutui per prima casa sospesi dai decreti Conte ma alcune banche trattengono la rata

Torna su
VeneziaToday è in caricamento