Stop alla musica live, dopo quattro anni chiude lo Studio 2 di Vigonovo

La decisione è stata presa dagli stessi gestori a causa di problemi burocratici che avrebbero ostacolato la stagione musicale. Ma ora ci sono idee nuove

Foto Facebook

Studio 2, per come lo si conosce ora, chiude i battenti. Il locale di Vigonovo per quattro anni ha ospitato le esibizioni dal vivo di alcuni grandi nomi della musica italiana (Le Vibrazioni, Niccolò Fabi, Tiromancino, per dirne alcuni). Ma non era solo una sala concerti: era anche studio di registrazione e produzione, con un team di fotografi e videomakers a disposizione dei musicisti.

Insomma, un luogo dedicato alla musica a tutto tondo: ecco perché, in una nota diffusa dagli stessi gestori, si spiega che la decisione di chiudere è fatta con "l'affetto, l'amore per l'arte, la dignità e l'etica culturale che hanno sempre contraddistinto Studio 2". Anche se resta "un boccone amaro da digerire". A portare alla tormentata risoluzione sarebbero stati degli inghippi burocratici, che a quanto pare rischiano di fare incappare il locale in qualche multa o in "visite poco gradite".

Quelli dello Studio 2, però, non si perdono d'animo: "Le difficoltà possono aprire nuove porte e nuove idee - spiegano -. "Studio 2 continuerà la sua attività di produzione e registrazione a Vigonovo per i prossimi giorni, in attesa del completamento della nuova sede. Ci aspettano molti cambiamenti positivi, sia nell'ambito della registrazione sia dell'acustica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda i concerti, nei mesi che verranno Studio 2 diventerà itinerante. La programmazione sarà ampliata e spostata in altri club nei dintorni, con un nuovo marchio: "Studio 2 in tour", appunto. Perché continuare la loro attività, spiegano, è un atto doveroso nei confronti dell'arte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento