Lavoro nero, una piaga continua: quattro ditte e tre cantieri edili chiusi

I carabinieri di Chioggia durante l'operazione "mattone sicuro" sorprendono sette attività situate tra Vigonovo, Fossò e Chioggia: contestate sanzioni per decine di migliaia di euro

E' stata chiamata operazione "mattone sicuro" e il suo scopo era di intensificare l’attività di verifica delle condizioni di sicurezza sui luoghi di lavoro: dal 25 al 29 giugno, i carabinieri della compagnia di Chioggia, in collaborazione con gli ispettori della Direzione provinciale del Lavoro di Venezia e dello Spisal di Dolo e Chioggia, hanno effettuato una serie di controlli su diciotto cantieri edili, disseminati sul territorio di propria competenza.

Ad essere coinvolti nel piano straordinario di controllo, predisposto in attuazione della convenzione tra il ministero del Lavoro e quello della Difesa, sono stati ben 40 militari dell’arma e 25 ispettori del Lavoro e dello Spisal. L'esito è stato tutt'altro che rassicurante: chiuse quattro ditte (3 a Vigonovo e Fossò, una a Chioggia) per l'impiego di manodopera in nero, con percentuale superiore al 20% della forza lavoro presente al momento del controllo, chiusi tre cantieri edili (due a Fossò e uno a Vigonovo), per mancanza dei requisiti minimi di sicurezza.

Ai tre cantieri chiusi cautelativamente, sono state, in particolare, riscontrate le seguenti violazioni in materia di sicurezza: impianto elettrico non a norma (art. 80 comma 1 dlgs 81/80); mancanza piano di sicurezza  (art. 96 comma 1 dlgs 81/80); mancata idoneità tecnico professionale delle ditte (art. 90 comma 9  dlgs 81/08); omesso controllo coordinatore del piano di sicurezza (art. 92 dlgs 81/08).

Nelle quattro ditte, invece, sono complessivamente otto i lavoratori individuati impiegati in forma irregolare.

A decine di migliaia di euro ammontano ora le violazioni amministrative contestate ai rappresentanti legali delle attività imprenditoriali.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Non e giusto che uno che lavora in regola devi esere licinsiato e cuelo che e clandestino devi lavorare

Notizie di oggi

  • Cronaca

    I volontari veneziani tra la neve ad Ascoli, duro lavoro sulle strade. "Gli abitanti sono grati"

  • Cronaca

    Ospedale dell'Angelo, quasi 1/3 dei neonati è straniero: dal Bangladesh l'apporto maggiore

  • Cronaca

    Venezia, canali per grandi navi a rischio. Il porto avverte: "Serve scavare subito"

  • Cronaca

    Brugnaro sull'Olocausto: "C'è un nesso tra la follia della Shoah e il terrorismo in Europa"

I più letti della settimana

  • Morto Franco Tonolo: patron dell’istituzione veneziana in torte, creme e pasticceria

  • Praticano del sesso orale dietro la fontana, il passante se ne accorge e chiama la polizia

  • Sfregi sul ponte di Rialto, le immagini delle telecamere incastrano la colpevole

  • Sgb, avanti con la linea dura: scontro con il Comune e sciopero dei lavoratori Actv

  • Preoccupazione tra Campagna Lupia e Dolo: una donna scompare nel nulla da più giorni

  • Rapina in tabaccheria a Mestre: "Mi hanno fatto sdraiare a terra, avevano un coltello"

Torna su
VeneziaToday è in caricamento