Prostituzione, sequestrato un centro massaggi a Marghera

Nei guai i due titolari, entrambi di origini cinesi. Le ragazze si prostituivano all'interno

La polizia mercoledì ha eseguito il provvedimento

Da tempo gli occhi della squadra mobile erano puntati sul centro massaggi «Zhang Yaqin - servizi di centri per il benessere fisico» di Marghera. Il sospetto degli investigatori era che all'interno le ragazze che ci lavoravano si prostituissero. Le indagini hanno dimostratto che i sospetti erano fondati e mercoledì è scattata la chiusura. 

Gli uomini della squadra mobile hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo della struttura, che si trova in via Beccaria 132. I titolari, accusati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, sono stati raggiunti da obbligo di dimora e di firma emessi dal gip del tribunale di Venezia. Si tratta di due cittadini cinesi: Z.Y., di 54 anni e G.Y., di 50. La coppia, secondo quanto accertato dagli investigatori a partire dalla scorsa primavera, sfruttava giovani connazionali che, previo compenso, fornivano prestazioni sessuali ai clienti all'interno del centro. 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Allegati

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • E mo dove vado

  • sospettavano?! a Natale puoi...

  • bisogna andare in Austria o in Svizzera o Germania o Francia o Olanda o Belgio.... perché in Italia non si può dovete solo lavorare pagare sempre più tasse spendere i pochi soldi che avete in monopoli di stato, poi si domandano perché sempre più italiani vanno all'estero e non tornano più..... non è tanto per il lavoro ma per le libertà mentalità e condizioni di vita

Notizie di oggi

  • Cronaca

    A terra dopo la lite violenta, morto un 79enne

  • Cronaca

    Lutto a Martellago e nel Veneziano per la morte improvvisa di Andrea Priviero

  • Sport

    Varese la spunta, la Reyer rallenta ma resta seconda in classifica: il report del match

  • Cronaca

    Si accende la scritta "Jesolo" tricolore, il benvenuto agli ospiti con tanto di location per i "selfie"

I più letti della settimana

  • Contromano sulla bretella dell'aeroporto, schianto frontale: grave una donna

  • Incidente in A4 direzione Venezia, morto un 39enne di Noventa di Piave

  • Accompagna il figlio all'asilo, poi scompare nel nulla: ritrovato a Venezia

  • Lutto a Martellago e nel Veneziano per la morte improvvisa di Andrea Priviero

  • Carlotta è stata trovata: era nella barca dei genitori al porto di Jesolo

  • Trovato morto in casa dalla mamma: è overdose

Torna su
VeneziaToday è in caricamento