homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Bancomat clonati, cittadini smascherano banda bulgara a Venezia

Dopo un appostamento durato 10 ore, domenica scorsa, i componenti di "Cittadini non distratti" hanno fermato la truffa informatica alla banca Unicredit delle Mercerie, vicino a San Marco

Un lavoro certosino e molto paziente, specie se fatto da chi nella vita fa tutt'altro. Protagonisti “Cittadini non distratti”, gruppo di commercianti veneziani nato una quindicina di anni fa per cercare di contrastare i borseggi in città. Domenica scorsa però hanno fatto un salto di livello controllando tre persone che armeggiavano di fronte alla banca Unicredit delle Mercerie, poco lontano da piazza San Marco.

Era una banda di bulgari all'opera con tanto di skimmer, il lettore di carte di credito, per rubare codici dei bancomat e rivenderli a connazionali e far partire le frodi informatiche. Il pedinamento è durato ben 10 ore, ma alla fine ha dato i suoi frutti. La banda era composta da tre persone, una delle quali era stata fermata dai carabinieri. Gli altri due tentavano di svignarsela ma i “Cittadini non distratti” li hanno pedinati fino in strada Nuova e poi a San Leonardo. Da qui sono stati chiamato i finanzieri che hanno bloccato i due.

 “Abbiamo avuto ragione alla fine - commentano “Cittadini non distratti” al Gazzettino - ma non è stato facile. Spesso volevamo smetterla e tornare alle nostre attività, ma il pensiero che il giorno dopo molta gente avrebbe pianto a causa di questa truffa, ci ha fatto continuare”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Delilah
    Delilah

    Bravi! Da parte di tutta la cittadinanza, grazie di cuore!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Cittadini in prima linea contro il degrado: ecco il decalogo per i turisti che visitano Venezia

  • Cronaca

    Flussi turistici, Italia Nostra scende in campo: "Tavoli col Comune per trovare una soluzione"

  • Cronaca

    Ubriachi, sciolgono gli ormeggi e rubano la gondola: denunciati per furto aggravato

  • Cronaca

    Le vespe escono dal nido e pungono a raffica due coniugi: ultraottantenne rischia grosso

I più letti della settimana

  • Parole sessiste all'indirizzo della cameriera, il gestore del locale caccia cliente e sei ospiti

  • Stavolta il turista non la passa liscia: “beccato” a farsi il bagno a San Marco, multato

  • Panico all'imbarcadero: estrae un coltello e aggredisce un uomo, denunciato

  • Battono la testa sul ponte mentre ammirano le bellezze della Riviera, due feriti gravi

  • Non vuole pagare il biglietto, donna sferra un pugno al volto del controllore Atvo

  • Tragedia sul lavoro nel cantiere dell'aeroporto, operaio cade da oltre 2 metri e muore

Torna su
VeneziaToday è in caricamento