Marchi dalle parole ai fatti: varchi invariati, lunghe code di turisti e disagi

Il presidente di Save l'aveva minacciato: per protestare contro la mancata firma da 12 anni del contratto di programma con Enac non avrebbe più investito sullo scalo, se non per la sicurezza

Dopo le minacce della scorsa settimana Enrico Marchi, il presidente di Save, è passato oggi ai fatti: pesanti disagi si sono verificati per tutta la giornata all'aeroporto Marco Polo di Tessera per il mancato aumento dei varchi di sicurezza in concomitanza con un 'picco' di traffico. E' la forma di protesta scelta da Save per l'attesa, che si protrae da 12 anni, della firma da parte di Enac del contratto di programma, che permetterebbe alla società di gestione dello scalo lagunare di adeguare le tariffe aeroportuali, dando corso agli investimenti infrastrutturali previsti.

In attesa che la situazione si sblocchi, Save ha deciso di stoppare tutti gli investimenti non legati alla sicurezza, a partire dall'assunzione di personale destinato ai varchi di accesso ai gate. Lunghissime code di passeggeri (molti dei quali croceristi esteri che rientravano a casa dopo una settimana di vacanza nel Mediterraneo orientale) si sono così formate sin dal mattino, con conseguenti ritardi nel decollo dei voli nel terzo scalo internazionale italiano.

Secondo i sindacati, alcuni passeggeri, proprio a causa dei tempi dilatati nel superamento dei varchi di sicurezza, sarebbero rimasti a terra. In depliant e cartelloni disseminati nell'aerostazione la questione è stata spiegata ai viaggiatori. "Ci scusiamo con i passeggeri costretti a subire disagi - recita il volantino - a causa delle azioni oggi intraprese dal gestore che sono mirate a sensibilizzare le autorità, con le quali non è nemmeno più possibile dialogare". (ANSA)

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Fogli di via e perquisizioni: un pullman di no global veneziani in questura a Roma

    • Mestre

      "In 10 contro 1": lo accerchiano e gli spruzzano lo spray al peperoncino. Poi lo rapinano

    • Cronaca

      Liti violente per gelosia o ricatti a Mestre: due uomini aggrediti dalle "loro" donne

    • Cronaca

      Rubano 40 carte d'identità in bianco, poi tutto a soqquadro. Ma lasciano le impronte

    I più letti della settimana

    • Se n'è andato il re dello spritz: è morto l'ex titolare del bar Galliano di via Piave a Mestre

    • Preso il boss della cocaina a Mestre: "Jack" e soci si intascavano 5mila euro a notte

    • "Circondato da 15 pusher che volevano vendermi droga, istituzioni intervenite"

    • Rapina al supermercato a Fossò: "Clienti impauriti, mi hanno puntato la pistola contro"

    • Del tutto fuori controllo al pronto soccorso, colpisce con un pugno in faccia il medico

    • Maxi tamponamento a catena sulla Triestina: 6 veicoli coinvolti e 10 feriti tra Ceggia e San Donà

    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento