Conclusi i lavori alla chiesa del cimitero di Marghera

La chiesa e il campanile sono stati oggetto di un ampio restauro costato 200mila euro

Sono tornati a essere completamente fruibili dal pubblico la chiesa e il campanile del cimitero di Marghera, da tempo inagibili. In questi giorni, infatti, si sono conclusi gli interventi di ristrutturazione di entrambe le strutture: con il restauro, costato quasi duecentomila euro, sono state impermeabilizzate le coperture e i pilastri e le pareti sono state oggetto di ripristini strutturali. I serramenti sono stati sostituiti e, sulle facciate ovest ed est della chiesa, ridipinta, le vecchie lastre fuori norma hanno lasciato spazio a nuove vetrate antisfondamento. Grazie a questi interventi la chiesa, che può ora contare su impianti di illuminazione e audio potenziati, già nei giorni scorsi è tornata a essere pienamente accessibile.

Ha detto il sindaco Luigi Brugnaro: «Nel rispetto dei nostri defunti restituiamo alla città un luogo importante, consapevoli che una buona amministrazione deve puntare soprattutto su controllo e manutenzioni quotidiane». L'assessore ai Lavori pubblici, Francesca Zaccariotto, ha aggiunto: «La chiesa del cimitero di Marghera attendeva questo intervento dopo un lungo periodo di trascuratezza che ne ha reso impossibile l'utilizzo. L'intervento che si aggiunge a quanto già concretizzato nel 2017, quando vennero sistemati i loculi dell'area del 'monoblocco', risolvendo evidenti problemi di degrado». L'assessore alla Coesione sociale, Simone Venturini, ha rilevato che «il 2 novembre si sono riscontrati alcuni problemi di parcheggio, per questo motivo è stato dato incarico agli uffici comunali di predisporre un piano straordinario per gestire diversamente la viabilità nelle prossime occasioni, minimizzando così i disagi per i residenti e il rischio di contravvenzioni per sosta vietata».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Ristoratore arrestato: spacciava droga

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

  • Auto in fosso: morto un 38enne, una donna estratta viva

  • Acqua alta fino a 145 centimetri, bollettino aggiornato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento