Avevano 4 chili di "maria" nel bagagliaio: dopo processo, terzetto della droga resta in carcere

L'arresto era avvenuto nella serata di sabato a San Donà: i tre complici, due albanesi ed un italiano, avevano tentato la fuga, ma erano finiti nella rete dei militari

Si erano fermati all'alt dei carabinieri, poi il conducente aveva ingranato la marcia, cercando di scappare. È finita con la convalida dell'arresto il processo a carico dei due fratelli albanesi e del 27enne italiano che sabato sera erano stati trovati a San Donà di Piave con circa 4 chili di marijuana nel bagagliaio dell'automobile. Per il terzetto, il Gip ha disposto la momentanea custodia cautelare in carcere, riservandosi del tempo per prendere una nuova decisione.

LA VICENDA - I tre complici, L.F., albanese di 27 anni residente a Cavallino-Treporti, conducente dell'auto, L.M., suo fratello, 25enne residente allo stesso indirizzo, e S.M., 27enne italiano residente a Eraclea, dopo una breve fuga si erano visti sbarrare la strada grazie ad una manovra dei carabinieri, in zona via Manzoni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I componenti del trio avevano cercato di giustificare l'accaduto spiegando di essere stati impauriti dal controllo. Ma il comportamento nervoso dei giovani aveva indotto i militari ad approfondire i controlli, rinvenendo la "maria", oltre a soldi contanti, per circa 2mila euro. Con ogni probabilità i contanti in possesso dei giovani erano il frutto di un'attività di spaccio precedente. I fuggitivi erano stati quindi portati in caserma per una più accurata perquisizione personale, durante la quale erano state trovate anche altre dosi di marijuana e di hashish.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento