C'è l'intesa sul contratto integrativo per tremila dipendenti comunali

Amministrazione e sigle Cisl, Cgil, Uil, Csa e Rsu hanno sottoscritto la parte economica 2019-2020, e quella normativa 2019-2021

La sigla della pre-intesa dell'integrativo per i lavoratori del Comune di Venezia

È arrivata ieri sera, dopo centinaia di ore di trattativa, mesi di tavoli, rotture e ripartenze, la pre-intesa per il contratto integrativo di tremila dipendenti del Comune. Amministrazione e sigle Cisl, Cgil, Uil, Csa e Rsu hanno sottoscritto la parte economica 2019-2020, e quella normativa 2019-2021.

Premi, meriti, eccellenze

«Abbiamo destinato il massimo delle risorse che la legge ci consente di mettere - dice l’assessore alle Risorse Umane, Paolo Romor -. Ma il confronto è stato lungo per far passare il principio che la distribuzione dei premi deve basarsi sulla meritocrazia, su attività e progetti realmente svolti, e non in maniera generica o a pioggia. In media 1.500 euro medi di premio annuo per un dipendente, quasi fosse una quattordicesima. Indennità previste dal Ccnl, sia per i servizi esterni dei vigili che per il personale dell’Anagrafe, Stato civile e dei Servizi sociali, e finanziamento dei progetti speciali su settori strategici dell’Amministrazione. Confermato anche il bonus delle Eccellenze: 100.000 euro da attribuire ai circa 200 dipendenti che nel corso dell'anno raggiungeranno un risultato di produttività ai massimi livelli».

Ritorno alle relezioni sindacali

«Siamo soddisfatti, dopo 4 anni di mobilitazioni, iniziative, assemblee, sentenze della magistratura, manifestazioni. Si è prodotto un passo avanti nelle relazioni sindacali e nella distribuzione delle risorse economiche - scrivono Daniele Giordano (Fp Cgil), Sergio Berti (Csa), Mario Ragno (Uil Fpl) e Gianpiero Bulla (Rsu Comune di Venezia) -. Abbiamo ridato dignità contrattuale ai lavoratori - sottolinea Mario Ragno - con più risorse e più diritti a tutela dei lavoratori e per la garanzia dei servizi ai cittadini. Questo contratto non risolve tutte le problematiche del Comune, a partire dalla carenza di personale, ormai gravissima in alcuni settori, ma riconsegna ai lavoratori il loro contratto decentrato per essere più tutelati e provare a ricostruire un clima di lavoro positivo. La preintesa - proseguono - verrà sottoposta a referendum nel mese di settembre. La battaglia contro le idee vincenti, la peggiore distorsione del merito, ha determinato che i 410.000 euro siano tornati nel fondo contrattuale dei lavoratori».

La parte economica

«La distribuzione della performance passa da 50% individuale e 50% organizzativa a 65% organizzativa e 35% individuale. La produttività generale da circa 700 euro del 2017 a 1500 euro del 2019, quella organizzativa da 1.000.000 del 2017 a 2.600.000 del 2019. Il budget dei progetti si riduce da 137.500 euro mensili nel 2018, a 107.500 mensili nel 2019 e 100.000 euro nel 2020», dettagliano le sigle sindacali. «Un milione e 300 vanno alla produttività individuale (legata alle valutazioni), e altrettanti soldi sono destinati ai progetti: più della metà delle risorse è destinata a premiare quindi il contributo del singolo dipendente», afferma Romor. Con i piani di razionalizzazione «l'Amministrazione si è impegnata a recuperare almeno 300 mila euro riducendo le spese - prosegue l'assessore -. Il 50% di queste risorse, come prevede il contratto nazionale, andrà ai dipendenti che hanno partecipato all’efficientamento dell’Ente. Un modo per far partecipare i lavoratori al miglioramento del Comune di Venezia».

La parte normativa

 Sono state riscritte le regole che gestiscono la mobilità interna, anche per facilitare i percorsi di crescita professionale, e reintrodotti appositi tavoli tecnici permanenti sulla polizia locale e sui servizi educativi. C'è una copertura di 12 ore aggiuntive per la partecipazione a corsi esterni di formazione. «In questi anni i lavoratori si sono trovati senza obiettivi o senza indicazioni chiare su come raggiungere gli obiettivi - dicono i sindacati - determinando migliaia di ricorsi. Ora nessuno potrà essere penalizzato se il ciclo della performance non viene rispettato. Sul piano dell'indennità per il riconoscimento di disagi, rischi o maneggio di valori, c'è la definizione chiara dei soggetti a cui spetterà. Il bonus eccellenze - concludono Cgil, Uil, Csa e Rsu - che è stato utilizzato negli anni in modo distorto, e per premiare in modo a nostro avviso discriminatorio, passa da circa 900 euro a lavoratore a 500. Eventuali risorse aggiuntive saranno reperibili solo a fronte di piani di razionalizzazione che andranno alla maggiorazione individuale e alla performance organizzativa. È stata infine garantita la possibilità di svolgere assemblee sindacali e inserito l'accordo economico biennale che garantisce le risorse anche sul 2020».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La tregua

«Voglio ringraziare chi ha sempre voluto entrare nel merito della discussione e non ha mai abbandonato il tavolo - conclude Romor -. Quattro anni fa siamo stati i primi a parlare di meritocrazia: oggi arriviamo a firmare un contratto che è un atto di fiducia per il futuro di una pubblica amministrazione efficiente. Il tutto in un quadro di 266 nuove assunzioni, consentite dall’efficentamento di bilancio e della macchina comunale». «Continueremo a sollecitare affinché questo contratto divenga realmente lo strumento per rilanciare i servizi ai cittadini - aggiungono sindacati e Rsu - e per far sentire nuovamente i lavoratori la risorsa più importante per questa amministrazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Schianto tra due auto, morta un'anziana donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento