menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Pensano a due ladri e fanno irruzione: "coppietta" sorpresa nella roulotte

Ieri sera in un parcheggio di Treviso intervento della polizia per delle "ombre" sospette. Gli agenti si sono trovati davanti una coppia di giovani, tra cui una 23enne di Spinea, in "intimità"

Due ombre che si aggirano furtive vicino al parcheggio custodito "Cantarane", nella zona Città Giardino a Treviso, e entrano "furtivamente" all'interno della roulotte adibita a biglietteria, in via Nazario Sauro. Ce n'è abbastanza per allarmarsi. Ieri sera verso le 23.30, un residente ha chiamato la polizia pensando di aver scoperto con le mani nel sacco dei ladri, magari intenti a trafugare l'incasso di giornata. Niente di tutto ciò. E la storia, da "delittuosa" è diventata presto "a luci rosse".

I due agenti di polizia intervenuti, infatti, hanno constatato i rumori e “mugolii” provenienti dall'interno, bussando armi in pugno alla porta della roulotte e intimando ai presenti di uscire. Lungi dal trovarsi di fronte i "soliti ignoti", le forze dell'ordine hanno sorpreso una coppia di giovanissimi intenta a scambiarsi effusioni amorose. Lei, una 23enne di Spinea, e lui, 18enne di origine albanese, in cerca di intimità, erano entrati dal finestrone aperto della roulotte stando attenti a non causare alcun danno.

Dopo poche decine di minuti, però, hanno dovuto lasciare il loro nido d'amore. Il 18enne è stato così riaccompagnato a casa dalla madre, mentre la ragazza ha dovuto tornare a Spinea da sé. Al titolare dell'autorimessa la decisione se sporgere denuncia contro i due focosi innamorati.

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      E' stata la volpe. Il responso degli esami sugli animali morti: "Ci sono solo ferite da morso"

    • Cronaca

      Nuovo raid all'oasi di Spinea, ritorno nella notte per "finire il lavoro". Altri animali uccisi

    • Cronaca

      Allarme bomba all'aeroporto di Venezia, ma erano delle canne da pesca

    • Incidenti stradali

      Perde il controllo della moto e si schianta contro un'auto: muore 29enne

    Torna su