"Corruzione", Tsuroplis è stato condannato a tre anni di reclusione

All'ex presidente di Ames contestata una mazzetta da 20mila euro consegnata dai fratelli Poletti per alcuni posti auto al Tronchetto

Condannato per corruzione l'ex presidente di Ames, Statis Tsuroplis. La sentenza lunedì pomeriggio, dopo che il pubblico ministero aveva chiesto una pena a sei anni di reclusione senza alcuna attenuante. La Procura contestava al dirigente una presunta mazzetta che avrebbe intascato nel 2009 in cambio della concessione di alcuni posti auto al Tronchetto.

Non solo, ne avrebbe pretesa una seconda dello stesso valore, senza però riuscire a ottenerla. A promettere il pagamento della seconda mazzetta i fratelli Arrigo e Ugo Poletti, ex proprietari del Venezia Calcio. L'accusa all'inizio era di concussione, dopodiché si è trasformata in corruzione. Nella prima fattispecie di reato è il pubblico ufficiale che pretende soldi per l'erogazione del servizio, mentre nella seconda il pubblico ufficiale li accetta. All'inizio quindi si parlava solo della bustarella che sarebbe dovuta arrivare nelle tasche di Tsuroplis, poi anche di quella che sarebbe stata effettivamente erogata. Ora per corruzione potrebbero ritrovarsi indagati anche gli stessi fratelli Poletti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Documenti del XIV secolo recuperati a Boston: erano stati rubati 70 anni fa

  • Cronaca

    Distruggono un autobus e postano i video sui social, baby vandali denunciati

  • Eventi

    Toniolo, nasce On Stage: Ron canta Dalla, atteso omaggio a Morricone

  • Cronaca

    Assalto in farmacia armati di taglierino: banditi fuggono con l'incasso

I più letti della settimana

  • Lutto a Martellago e nel Veneziano per la morte improvvisa di Andrea Priviero

  • Succede in palestra a Mestre: gli addetti alle pulizie entrano nello spogliatoio femminile senza avvertire

  • Incidente in A4 direzione Venezia, morto un 39enne di Noventa di Piave

  • Carlotta è stata trovata: era nella barca dei genitori al porto di Jesolo

  • Trovato morto in casa dalla mamma: è overdose

  • Divieto di targa straniera, prime multe e sequestri in provincia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento