Crepe tra i masegni di piazzale Roma, il Comune: "Tutto normale"

Fessurazioni preoccupanti che si allungano tra il ponte della costituzione e i nuovi cantieri del terminal automobilistico della laguna

Crepe inquietanti, che dalla base del ponte della Costituzione si allungano fino ai cantieri per il nuovo imbarcadero Actv e per l'hotel Santa Chiara, fessurazioni che tagliano i masegni di piazzale Roma e corrono dalla fondamenta alla riva. Queste le numerose segnalazioni arrivate nei giorni scorsi tanto in Comune quanto al Gazzettino, che quindi ha deciso di dedicare un articolo ai controlli ordinati da Ca' Farsetti.

ALLARME STRUTTURALE? - Inutile negare l'evidenza: il piano di calpestio della fondamenta di Santa Chiara appare ormai completamente fessurato, e le crepe sembrano quasi corrispondere con il collegamento tra pavimentazione e ponte di Calatrava, tanto che in molti hanno già puntato il dito contro la tormentata opera dell'architetto spagnolo, che tanti veneziani devono ancora “digerire”. I più previdenti, invece, guardano con preoccupazione ai cantieri della nuova ala dell'albergo di piazzale Roma, preoccupati che il “peso” aggiuntivo possa minare la stabilità delle fondamenta. Intanto mercoledì sul posto sono arrivati i tecnici del Comune, che hanno fatto tutti i rilievi di rito, concludendo con un verdetto piuttosto rassicurante. Come riferisce l'assessore ai Lavori pubblici Alessandro Maggioni, infatti, le crepe non sarebbero altro che il risultato di un processo di assestamento dovuto a “differenze di contiguità" tra le due parti di suolo. Niente di preoccupante, insomma, ma Ca' Farsetti continuerà a tenere sotto controllo piazzale Roma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

Torna su
VeneziaToday è in caricamento