Violenza sulle donne: Venezia maglia nera in Veneto. Ma può contare anche su più strutture

Sono 10 gli sportelli e le realtà di supporto a chi tenta di uscire dall'incubo. Nel 2016 i Centri specializzati hanno seguito 920 casi, quasi il doppio rispetto alle altre province venete

Una piaga che diventa sempre più profonda, ma contro cui gli sforzi delle istituzioni (e pure della società civile) stanno mettendo a segno successi importanti. Perché il numero delle denunce di maltrattamenti da parte di donne e minori aumenta di pari passo alla consapevolezza che enti locali e forze dell'ordine hanno gli strumenti per aiutare concretamente le vittime a uscire dall'incubo.

Secondo i dati del report regionale sull'attività a contrasto della violenza sulle donne, riguardante il 2016, Venezia è la maglia nera in Veneto in questo settore. La provincia lagunare, infatti, registra il maggior numero di casi seguiti (920, quasi il doppio delle altre province), ma è anche il territorio con un numero superiore di strutture. I due dati, però, non sono direttamente proporzionali: "Sebbene  punti di accesso della provincia di Padova (5) siano inferiori a quelli della provincia di Verona (10) - si legge nel report - le donne prese in carico in territorio euganeo (490) sono superiori rispetto alle donne prese in carico nel Veronese (311)". Nel 2016 in Veneto sono state 2.711 le persone prese in carico dai Centri antiviolenza. Nel 2015 erano state 2.637, un numero paragonabile.

"Questo dato, rapportato al totale della popolazione femminile residente in Veneto, indica che una donna ogni 900 residenti circa risulta essere presa in carico dalle strutture per l’avvio di un percorso di uscita dalla violenza", sottolinea lo studio. A livello generale, ciò che salta all'occhio è che questi dati riguardano solo la "seconda fase", quando una possibile vittima, oltre che segnalare le vessazioni che deve subire, accetta di essere seguita da personale specializzato.

Ma c'è tutto un "prima", che costituisce comunque un passo difficile per una donna: "Nel corso del 2016 sono stati registrati più di 5.300 contatti per il 'servizio di ascolto (telefonico o non) prima della presa in carico - conclude lo studio - con un aumento delle segnalazioni e/o richieste di informazioni rispetto all’anno precedente (4.500 contatti nel 2015)". Rapportando questo dato con quello della popolazione femminile residente in Veneto, si stima un contatto (che sia segnalazione o richiesta d'aiuto) ogni 473 donne. I casi presi in carico nel 2016 sono stati 1.989, di conseguenza si può stimare che circa un contatto su tre (il 37%) si traduce in una effettiva presa in carico da parte delle strutture.

A Venezia i Centri antiviolenza sono 6, mentre gli sportelli di aiuto sono 4. In questo frangente la provincia lagunare, che nel 2016 ha seguito per il 32% donne straniere e per il 68% donne italiane, è la migliore in Veneto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poca neve a Venezia, poi la pioggia

  • Un bambino sparito dopo scuola è stato ritrovato dopo ore di ricerche

  • Contro un albero e giù nel fosso: muore un 43enne

  • Trovato il corpo senza vita di Paolo Tramontini

  • Il sindaco Brugnaro risponde alle polemiche di Celentano: «L'ho invitato qui»

  • Violento scontro fra furgone e trebbiatrice sulla Triestina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento